-->

Pensioni quota 100: le ultime novità

di Know How

in REDDITO
Tempo di lettura: 2 min

Pensioni Quota 100 con 62 anni di età e 38 anni di contributi: la riforma delle pensioni con il superamento della Legge Fornero dovrebbe partire ad aprile 2019. Probabili tre finestre di uscita ad aprile, agosto e dicembre 2019; stando alle prime simulazioni, ecco a chi conviene e a chi no.

Condividi su

La riforma delle pensioni è uno dei temi caldi di questo autunno: stando alle ultime notizie degli addetti ai lavori, i tempi di attuazione, oltre al Reddito di Cittadinanza, per la riforma delle pensioni con il superamento della Legge Fornero con Quota 100, sono fissati al prossimo mese di aprile. Vediamo meglio nel dettaglio quando parte la nuova riforma delle pensioni e quali sono le 3 finestre di uscita nel 2019.

Pensioni quota 100: di che si tratta?

Con la formula "Pensioni quota 100" s'intende la possibilità di andare in pensione avendo almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi versati (62 + 38 = 100). All'aumentare dell'età anagrafica, aumenta anche la "quota", che sarà 101, 102, 103 e così via, fino al raggiungimento del requisito di età per la pensione di vecchiaia che nel 2019 è di 67 anni. 
Altre misure in materia previdenziale previste per il 2019 sono:

  • la pensione di cittadinanza: chi ha una pensione inferiore alla soglia di povertà usufruisce dello stesso sussidio previsto dal Reddito di Cittadinanza;
  • l'APE Sociale: la pensione anticipata che prevede un'indennità a carico dello Stato erogata dall'INPS dovrebbe essere confermata anche per il nuovo anno;
  • opzione donne 2019: confermata la proroga dell'opzione che consente alle donne, in possesso di determinati requisiti, di lasciare in anticipo il lavoro, cioè prima di aver raggiunto l'età prevista dalla pensione di vecchiaia 2019.

Pensioni quota 100: quali finestre di uscita?

L'avvio della riforma pensionistica denominata "Pensioni quota 100" dovrebbe partire intorno ad aprile del prossimo anno: a quanto si apprende attualmente, dovrebbero essere previste 3 finestre di uscita anticipata, 1 ogni 4 mesi a partire, appunto, dal mese di aprile. Di conseguenza, le finestre di uscita per la pensione anticipata 2019 con quota 100, potrebbero essere:

  • prima finestra di uscita: aprile 2019;
  • seconda finestra di uscita: agosto 2019;
  • terza finestra di uscita: dicembre 2019.

Pensioni quota 100: vantaggi e svantaggi

Con l'imminente riforma previdenziale, attraverso il superamento della Legge Fornero, e l'avvio delle Pensioni Quota 100, molte sono le simulazioni degli esperti e degli analisti per cercare di capire quali effetti futuri avrà il nuovo sistema pensionistico: Dalle prime proiezioni emerge che:

  • per coloro che hanno cominciato a lavorare molto presto, Quota 100 non serve a molto poichè raggiungono la pensione anticipata INPS basandosi sui contributi versati e non sull'età;
  • per coloro che hanno cominciato a lavorare a 30 anni, Quota 100 potrebbe avere un certo impatto, da calcolare però in termini di taglio sull'assegno pensionistico;
  • per coloro che hanno cominciato a lavorare tra i 22 e i 26 anni di età potrebbero esserci i vantaggi maggiori, poichè potrebbero uscire anticipatamente dal lavoro anche 5 anni prima; anche in questo caso però l'assegno pensionistico potrebbe subire un taglio fino al 25%.

In queste ultime ore si sta discutendo sull'ipotesi del riscatto degli anni di laurea al fine di raggiungere più agevolmente i requisiti pensionistici.

 

 

Tag

inpspensionefamiglialavoro

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..

Previdenza complementare: perché è importante?

di Massimiliano Alfonso
24 aprile 2019    0
inps, pensione, risparmiatori, lavoro


Oggi parlo di REDDITO