Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Pensioni estere: dove si pagano le tasse?

Pensioni estere: dove si pagano le tasse?

Pensioni estere: dove si pagano le tasse?

Quando si percepisce una pensione estera, il quadro non è mai sufficientemente chiaro. Il motivo è semplice: da un lato vi sono le norme del paese che eroga e dall’altro le norme fiscali del paese in cui si risiede che, si presuppone, sia l’Italia



La normativa fiscale del paese di residenza non comporta grandi problemi, essendo sempre lo stesso. Ciò che varia, invece, è il paese erogante, con cui l’Italia può avere oppure no delle convenzioni o degli accordi particolari. Inoltre, sono da considerare anche le differenze tra paesi Europei, paesi Extra Europei e paesi appartenenti all’UE.

Partiamo, in ogni caso, dalle definizioni. Che cos’è una pensione estera? Può sembrare ovvio ma è sempre ben ribadirlo. Si definisce una pensione estera, un trattamento previdenziale corrisposto a un residente italiano da parte di uno Stato estero per via di lavori prestati in quello stesso Stato.

Le pensioni estere vanno sempre dichiarate?

La domanda potrebbe sembrare banale e sottendere una risposta ovvia, eppure non è così. Certamente ogni pensione estera va dichiarata, eppure vi sono delle circostanze che rappresentano un’eccezione. Infatti non è necessario dichiarare la pensione estera se si tratta di:

  1. Pensione pubblica fruita da un cittadino residente in Italia ma che ha la nazionalità esclusivamente presso il paese erogante;
  2. Pensione AVS erogata dalla Svizzera e riscossa in Italia.
  3. Pensione di invalidità erogata da ente non residente in Italia ed equiparabile a trattamento INAIL.

Che cos’è la tassazione concorrente?

È quella situazione che si verifica nel caso di doppia imposizione sulla pensione estera. Le imposte pagate in più possono essere recuperate in fase di dichiarazione dei redditi.

Cosa sono le doppie imposizioni?

Sono quei casi in cui la pensione viene tassata sia dal paese erogante che da quello in cui si risiede. Per ovviare a questi problemi lo Stato solitamente stabilisce delle convenzioni.

Qual è la differenza tra pensioni pubbliche e private?

Abbastanza semplice: sono pubbliche quelle pensioni erogate direttamente dallo Stato o da qualche Ente pubblico per suo conto. Sono private quelle pensioni erogate da enti non statali, come assicurazioni, banche o altri soggetti non di natura pubblica.

Quali sono le convenzioni attuali con gli stati esteri?

Attualmente lo Stato italiano ha stabilito le seguenti convenzioni:

  1. Con Argentina, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti e Venezuela, le pensioni pubbliche sono assoggettate a tassazione soltanto in Italia se il contribuente ha la nazionalità italiana. Le pensioni private, allo stesso modo, sono tassate solo in Italia;
  2. Con Belgio e Germania le pensioni private sono tassate solo in Italia, così come quelle pubbliche. Ma se il contribuente ha anche nazionalità estera allora la pensione pubblica viene tassata nello stato estero;
  3. Con l’Australia la tassazione avviene sempre in Italia;
  4. Con il Canada la tassazione è sempre in Italia se non supera i 6.197 euro. Oltre questa cifra la pensione viene tassata sia nell’uno che nell’altro paese e in Italia si procederà al recupero tramite dichiarazione dei redditi;
  5. Con la Svizzera le pensioni pubbliche sono tassate solo in Svizzera se il cittadino ha la doppia nazionalità, mentre le pensioni private si tassano solo in Italia in tutti i casi.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.