Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Condono fiscale 2019: tutta la sanatoria

Condono fiscale 2019: tutta la sanatoria

Condono fiscale 2019: tutta la sanatoria

Cartelle Imu, Tari, Tasi e tassa rifiuti, multe stradali e bollo auto. Nel 2019 in arrivo una delle misure più attese ma anche criticate della nuova Legge di Bilancio: la pace fiscale 2019. Come funziona? Tutti i dettagli della sanatoria che rende felici i contribuenti meno virtuosi.



Un vero e proprio colpo di spugna in arrivo con il nuovo anno: azzerate le cartelle fino a 1000 euro, rottamazione ter senza more né interessi, così come per gli avvisi di accertamento. La misura non ha finalità di condono, come si legge nel contratto di governo, ma ha lo scopo di "favorire l’estinzione del debito mediante un saldo e stralcio dell’importo dovuto, in tutte quelle situazioni eccezionali e involontarie di dimostrata difficoltà economica". Comunque la si voglia vedere, pur sempre di una sanatoria si tratta, ed ecco in cosa consiste.

Leggi anche >>> APPLICAZIONE DELLA LEGGE 231/2001 AI REATI TRIBUTARI

Condono fiscale 2019: di che si tratta?

Il condono fiscale è una misura che prevede una sanatoria ed una serie di agevolazioni in favore di quei contribuenti che, attraverso l'adesione al condono, intendono sanare i propri debiti nei confronti del fisco italiano, grazie alla riduzione degli importi da pagare o delle sanzioni applicate.
Il condono fiscale è sicuramente un metodo molto efficace per fare cassa e per reperire risorse da utilizzare in altre iniziative: i più contenti sono sicuramente i contribuenti meno virtuosi, che hanno un'incredibile occasione per sanare o azzerare i propri debiti. Meno felici di questa sanatoria sono i contribuenti onesti, privati e società, che hanno sempre pagato tutto, fino all'ultimo centesimo, anche a costo di grandi sacrifici.

Leggi anche >>> REATI TRIBUTARI: NON PUNIBILITÀ PER PARTICOLARE TENUITÀ DEL FATTO

Condono fiscale 2019: cosa prevede?

Ecco le disposizioni urgenti in materia fiscale previste per il 2019 ed elencate nel Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 23:

  • condono fiscale cartelle fino a 1000 euro: riguarda le cartelle di pagamento inferiori a 1000 euro affidate all'agente della riscossione tra il 2000 al 2010. Saranno cancellate d'ufficio e saranno comprese le cartelle di Imu, tari, tasi e tassa rifiuti, nochè quelle di multe stradali e del bollo auto.
  • Condono fiscale Rottamazione Ter: è per le cartelle affidate all'Agente della Riscossione dal 2000 al 2017. È possibile pagare il debito in un'unica soluzione o a rate, senza il pagamento di sanzioni ed interessi di mora.
  • Condono fiscale liti fiscali tributarie: per quelli che hanno dei contenziosi con le Commissioni tributarie, se aderiscono al condono fiscale possono pagare la metà di quanto dovuto in caso di vittoria in secondo grado e di 1/3 del dovuto se si vince in primo grado.
  • Condono fiscale avvisi di accertamento: nessuna sanzione né pagamento di interessi per i contribuenti che aderiscono.
  • Condono tramite dichiarazione integrativa al 20%: è la possibilità di usufruire della sanatoria denunciando somme non dichiarate o mancati pagamenti. Per i contribuenti che aderiscono è possibile sanare il 30% in più rispetto all'imponibile dichiarata, con tetto massimo fino a 100 mila euro all'anno.

Leggi anche >>> ROTTAMAZIONE TER: CONSULTAZIONE ONLINE DEI DEBITI

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.