Condividi su

Bollo auto: se non viene pagato che succede?


Una delle tasse più odiate dagli italiani: il bollo auto. Molti si dimenticano di pagarlo, altri lo evadono di proposito. Che succede se passano anni dal mancato pagamento? L'Agente della Riscossione può sempre pretendere il versamento dei vecchi bolli auto o ci sono dei termini di prescrizione?

Il bollo auto è uno dei tributi più antipatici agli automobilisti italiani: deve essere pagato ogni anno dai proprietari di automobili indicati nel P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico). Indipendentemente dal fatto che il veicolo venga usato o meno, è obbligatorio versare questa tassa. Ma che succede se il bollo auto non viene pagato?

Leggi anche  > > > Il pignoramento dello stipendio, ecco come avviene

Bollo auto: quanto e come si paga?

Per sapere l'importo del bollo auto è necessario conoscere la potenza del veicolo: infatti viene calcolato considerando i chilowatt (kw) oppure i cavalli, nonchè l'impatto ambientale (Euro 6, Euro 5, ecc). Per evitare calcoli complicati e pagare velocemente il bollo auto, basta collegarsi al sito dell'ACI e, inserendo il proprio numero di targa, viene calcolato automaticamente l'importo da pagare.
Per le automobili appena immatricolate, il bollo auto va pagato entro il mese di immatricolazione; se l'immatricolazione, invece, avviene negli ultimi dieci giorni del mese, la scadenza viene rinviata all'ultimo giorno del mese successivo. 
Il bollo auto che, lo ricordiamo, è un tributo regionale, va pagato annualmente entro il mese successivo la scadenza, pena l'aggiunta di una sanzione sull'importo complessivo.

Bollo auto: che succede se non viene pagato?

Poichè il ritardato o mancato pagamento del bollo auto non impedisce la circolazione del veicolo, alcuni ritardano il versamento oppure se ne dimenticano; altri, invece, scelgono deliberatamente di non pagare perchè la considerano una tassa ingiusta. Ma che succede se il bollo auto non viene pagato?
Per prima cosa è molto probabile ricevere un avviso di accertamento e poi una cartella di pagamento dall'Agente della Riscossione in cui, oltre all'importo originario della tassa, sono addebitati gli interessi, le sanzioni e il compenso di riscossione. Dal momento della notifica si hanno 60 giorni di tempo per pagare; se questo non succede, l'Agente della Riscossione può procedere con un'esecuzione forzata o il fermo amministrativo dell'automobile.

Bollo auto: quando si prescrive?

Se il bollo auto non viene pagato, la tassa automobilistica non è dovuta per sempre. Ci sono infatti dei termini di prescrizione: passato un certo periodo di tempo, la tassa non deve essere più pagata. Ecco quali sono i termini per la prescrizione:

  • 3 anni dal bollo non pagato al primo avviso di accertamento;
  • 3 anni tra l'avviso di accertamento e la cartella di pagamento;
  • 3 anni a partire dalla cartella di pagamento.

Se ci sono successive intimazioni di pagamento o preavvisi di fermo amministrativo prima che siano passati 3 anni dalla cartella di pagamento, i termini di prescrizione ripartono da zero per altri 3 anni.
Se in uno di questi momenti passano più di 3 anni, il bollo auto cade in prescrizione e nessuna tassa è più dovuta. Sono illegittimi gli atti di pagamento inviati dopo più di 3 anni dall'ultimo atto notificato. Per questo motivo gli atti inviati in ritardo possono essere impugnati e chiederne l'annullamento.

 

 

Ho ricevuto un avviso di accertamento per un bollo auto del 2014; l'atto è valido o sono passati i termini di prescrizione e posso chiederne l'annullamento?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

tributi, consumatori, agenziadelleentrate, imposte
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Cassa integrazione: cos'è e come funziona?

Cassa integrazione: cos'è e come funziona?

di Giovanni Guglielmo Crudeli
13 Mag 2019