Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Bonus pubblicità 2018, pubblicati i modelli

Bonus pubblicità 2018, pubblicati i modelli

Bonus pubblicità 2018, pubblicati i modelli

Disponibile il modello per presentare la domanda per il Bonus pubblicità 2018: la domanda va presentata esclusivamente per via telematica sull'apposita piattaforma dell'Agenzia delle Entrate a partire dal 22 settembre. Il bonus è utilizzabile in compensazione tramite il modello F24.



Come avevamo anticipato lunedì, è stato pubblicato ieri, giovedì 2 agosto, sul sito del Dipartimento per l'editoria, il modello per la domanda del credito d'imposta per investimenti pubblicitari incrementali, il c.d. Bonus pubblicità.
In data 31 luglio 2018 è stato adottato il provvedimento del Capo del Dipartimento per l'informazione e l'editoria con il quale è approvato il modello di comunicazione telematica e sono definite le modalità per la presentazione della comunicazione sull’apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, ai fini della fruizione del credito di imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

Leggi anche >>> BONUS PUBBLICITÀ: LE NOVITÀ PER IL BIENNIO 2021 E 2022

Chi può usufruirne?

Possono beneficiare di queste risorse imprese, lavoratori autonomi ed enti no profit che hanno investito in campagne pubblicitarie effettuate sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali. Il credito d'imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti compiuti a partire dal 1 gennaio 2018 e può essere elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese, PMI innovative e di Startup innovative. Il bonus è utilizzato esclusivamente in compensazione attraverso la presentazione telematica del modello F24.

Leggi anche >>> BONUS PUBBLICITÀ: IN SCADENZA LA RICHIESTA DI RIMBORSO

Come presentare le domande?

Le comunicazioni per il 2017 e il 2018 devono essere presentate separatamente, in particolare:

  • per l'anno in corso, relative agli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno 2018 su stampa quotidiana e periodica anche online e sulle emittenti radiotelevisive: dal 22 settembre 2018 al 22 ottobre 2018;
  • relative agli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017 esclusivamente sulla stampa quotidiana e periodica anche online, dal 22 settembre al 22 ottobre 2018.

La domanda deve essere presentata attraverso una comunicazione telematica (una "prenotazione") sull'apposita piattaforma dell'Agenzia delle Entrate; la domanda deve contenere:

  • i dati dell'azienda o del lavoratore autonomo;
  • il costo complessivo degli investimenti pubblicitari che sono stati sostenuti, o che saranno sostenuti nel corso del 2018: i costi degli investimenti su stampa o su radio tv devono essere indicati separatamente; 
  • il costo complessivo degli investimenti effettuati sugli stessi media nell'anno precedente;
  • l'indicazione dell'incremento degli investimenti su ciascuno dei due media, in percentuale e in valore assoluto;
  • l'ammontare del credito d'imposta per ciascuno dei due media.

Quali moduli bisogna compilare?

Il Modello di comunicazione

Istruzioni per la compilazione del Modello

Leggi anche >>> BONUS PUBBLICITÀ: PROCEDURA WEB PER LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.