Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Reddito di cittadinanza: partono i primi pagamenti

Reddito di cittadinanza: partono i primi pagamenti

Reddito di cittadinanza: partono i primi pagamenti

Niente ritardi sui primi pagamenti del Reddito di Cittadinanza: l'INPS, con un recente comunicato, ha tenuto a precisare che la procedura si sta svolgendo regolarmente e addirittura in anticipo rispetto ai tempi previsti. I primi accrediti sulla Carta Rdc già dal 15 aprile.



Partono i primi pagamenti del Reddito di Cittadinanza: le domande: l'INPS sta provvedendo a verificare la correttezza e la regolarità dei requisiti di accesso, accogliendo o respingendo le domande presentate a partire dal 6 marzo. Dopo il monitoraggio l'INPS fornirà il suo responso. In caso di accoglimento della domanda, il beneficiario sarà avvisato via mail o via smsL'INPS, inoltre, ha messo a disposizione il servizio online che permette la consultazione delle domande di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza presentate presso gli sportelli di Poste Italiane, i CAF o tramite SPID sul sito ufficiale Reddito di CittadinanzaDal 15 aprile 2019  saranno disponibili i primi esiti delle domande presentate a marzo 2019. 

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza: le ultime novità

 

Reddito di cittadinanza, qual è l'iter della domanda?

Le informazioni contenute nella domanda del Reddito di cittadinanza sono comunicate all'INPS entro dieci giorni lavorativi dalla richiesta. L'INPS, entro i successivi 5 giorni, verifica il possesso dei requisiti sulla base delle informazioni disponibili nei propri archivi e in quelle delle amministrazioni collegate e, in caso di esito positivo, riconosce il beneficio che sarà erogato attraverso un'apposita Carta di pagamento elettronica (Carta Reddito di cittadinanza) che, attualmente, viene emessa da Poste Italiane. Oltre all'acquisto di beni e servizi di base, essa consente di effettuare prelievi di contante entro un limite mensile non superiore a 100 euro per i nuclei familiari composti da un singolo individuo (incrementata in base al numero di componenti il nucleo) ed effettuare un bonifico mensile in favore del locatore indicato nel contratto di locazione o dell'intermediario che ha concesso il mutuo.

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza: come si calcola?

 

Reddito di cittadinanza: dove posso controllare lo stato della domanda?

Così come avviene per la domanda di disoccupazione Naspi, chi ha presentato domanda per il Reddito di Cittadinanza può visualizzare lo stato della domanda sull'apposito servizio dell'INPS, presente sul sito dell'Istituto. La sezione è "Stato di una pratica o di una domanda", raggiungibile dalla voce "Prestazioni e Servizi". Il servizio consente agli utenti che hanno presentato una domanda all'INPS di controllare lo stato di lavorazione della richiesta stessa. Questo sarà possibile fornendo il proprio codice fiscale e l'identificativo della pratica. Si potrà accedere al servizio tramite le solite credenziali (Pin Inps, CNS e SPID). L'INPS con un un comunicato stampa diffuso lunedì 25 febbraio 2019 ha indicato la data del primo pagamento, in anticipo rispetto alle tempistiche finora note. L'INPS ha infatti precisato che sarà in grado di trasmettere a Poste il flusso degli ordinativi di accreditamento sulle Carte Reddito di Cittadinanza già dal 15 aprile.

 

A quale professionista rivolgersi?

Commercialista.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.