-->

Pensione anticipata: ecco come fare

di Know How

in REDDITO
Tempo di lettura: 1 min

Fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile presentare all'Inps la domanda per l'anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE volontario). I requisiti: 63 anni d'età, diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi, 20 anni di contributi maturati. Ecco tutti i dettagli.

Condividi su

Andare in pensione prima del tempo da oggi si può: infatti, a partire dal 1 maggio 2017 e fino al 31 dicembre 2018, è stato istituito l'anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE volontario), uno strumento che consente, tramite un prestito, di ricevere un assegno mensile, alternativo allo stipendio, fino alla maturazione della pensione di vecchiaia.

La restituzione del prestito, coperto da una assicurazione sulla vita obbligatoria, avviene a partire dalla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

Chi può richiedere l'APE?

L'APE può essere richiesto dai lavoratori dipendenti pubblici e privati, dai lavoratori autonomi e dagli iscritti alla Gestione Separata che, al momento della richiesta:

  • abbiano almeno 63 anni ;
  • maturino il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
  • abbiano maturato 20 anni di contributi;
  • non siano titolari di pensione diretta o di assegno ordinario di invalidità.

Come richiedere l'APE?

Ecco i passaggi per richiedere l'APE:

  1. presentare la domanda di certificazione del diritto all'APE all’Inps, che verifica il possesso dei requisiti;
  2. ottenuta la certificazione, presentare all'Inps domanda di APE e domanda di pensione di vecchiaia;
  3. indicare nella domanda la finanziaria a cui viene richiesto il finanziamento e l'assicurazione alla quale viene richiesta la polizza vita.

Modalità di erogazione

L'erogazione del prestito ha inizio entro 30 giorni lavorativi dalla data di accoglimento della domanda. L'Inps tratterrà, a partire dalla prima pensione mensile, l'importo della rata per il rimborso del finanziamento riversandola al finanziatore. La restituzione del prestito avviene in 240 rate in un periodo di 20 anni.

Quali tasse ci sono sull'APE?

L'APE volontaria è esente da tasse, poiché le somme erogate mensilmente non concorrono a formare il reddito ai fini dell'Irpef.

Inoltre è riconosciuto un credito d'imposta annuo per un massimo del 50% sugli interessi del finanziamento e dei premi assicurativi complessivamente pattuiti nei relativi contratti.

 

 

Tag

inpspensionefamigliaconsumatori

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..

APE sociale 2019: riapertura dei termini

di Know How
15 febbraio 2019    0
inps, pensione, famiglia, lavoro


Oggi parlo di REDDITO