Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Il Gruppo IVA per imprese e professionisti: la nuova disciplina 2018

Il Gruppo IVA per imprese e professionisti: la nuova disciplina 2018

Il Gruppo IVA per imprese e professionisti: la nuova disciplina 2018

Con il gruppo IVA i partecipanti al gruppo perdono l'autonoma soggettività Iva e vengano considerati come un unico soggetto passivo Iva. Nello specifico cos'è il gruppo IVA 2018, quali sono i requisiti e i vincoli?



La legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232) ha inserito nel Dpr 633/1972  i nuovi artt. da 70-bis a 70-duodecies per disciplinare il gruppo Iva, definendone i requisiti soggettivi, i vincoli di tipo finanziario, economico e organizzativo tra i soggetti, le modalità per la costituzione, le conseguenze fiscali e relativi adempimenti nonché responsabilità. Il nuovo testo è in vigore dal 1 gennaio 2017 e questa modifica si applica dal 1 gennaio 2018; la concreta operatività della disciplina si avrà a decorrere dal 2019, potendo optare per la costituzione del Gruppo IVA, in prima istanza, entro il 30 settembre 2018.

Leggi anche >>> ESONERO SUI CONTRIBUTI DI AUTONOMI E PROFESSIONISTI

Che cos'è il "Gruppo Iva"?

La nuova norma stabilisce che i partecipanti al gruppo perdano l'autonoma soggettività Iva e vengano considerati come un unico soggetto passivo Iva.
Possono costituire un gruppo Iva i soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato esercenti attività d'impresa, arte o professione, per i quali ricorrano congiuntamente i vincoli finanziario, economico e organizzativo.

Leggi anche >>> INDUSTRIA 4.0 IN REGIONE VENETO: CONTRIBUTI PER PROFESSIONISTI E IMPRESE

Quando si stabilisce un vincolo finanziario?

Si considera sussistente un vincolo finanziario tra soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato quando, ai sensi dell'art. 2359, c. 2, n. 1) C.C. e almeno dal 1.07 dell'anno solare precedente:

  • tra questi soggetti esiste, direttamente o indirettamente, un rapporto di controllo;
  • questi soggetti sono controllati, direttamente o indirettamente, dal medesimo soggetto, purché residente nel territorio dello Stato ovvero in uno Stato con il quale l'Italia ha stipulato un accordo che assicura un effettivo scambio di informazioni.

Leggi anche >>> INVESTIMENTI E SOVVENZIONI PER LA CRESCITA DI MPMI E LIBERI PROFESSIONISTI

Quali sono i requisiti per un vincolo economico?

Si considera sussistente un vincolo economico tra soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato sulla base dell'esistenza di almeno una delle seguenti forme di cooperazione economica:

  • svolgimento di un'attività principale dello stesso genere;
  • svolgimento di attività complementari o interdipendenti;
  • svolgimento di attività che avvantaggiano, pienamente o sostanzialmente, uno o più di essi.

Leggi anche >>> PARTITA IVA E PENSIONAMENTO ANTICIPATO GRAZIE ALLA RICONGIUNZIONE

Quando sussiste un vincolo organizzativo?

Si considera sussistente un vincolo organizzativo tra soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato quando tra questi soggetti esiste un coordinamento, in via di diritto, ai sensi delle disposizioni di cui al libro quinto, titolo V, capo IX del Codice Civile, o in via di fatto, tra gli organi decisionali degli stessi, ancorché tale coordinamento sia svolto da un altro soggetto.

Leggi anche >>> NOLEGGIO A LUNGO TERMINE, ECCO PERCHÉ CONVIENE

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.