Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Sicurezza sul lavoro, l'abbigliamento nel cantiere edile

Sicurezza sul lavoro, l'abbigliamento nel cantiere edile

Sicurezza sul lavoro, l

Lavorare in un cantiere è potenzialmente pericoloso, soprattutto se non si è equipaggiati nel modo giusto. Per questo è importante adottare le giuste cautele. Ma come devono essere le scarpe antinfortunistiche, le tute da lavoro e i caschi? Vediamo nel dettaglio i requisiti dei vari accessori.



La sicurezza sul lavoro è un tema su cui bisogna sempre porre la massima attenzione: in un cantiere edile gli operai camminano sui ponteggi, lavorano a stretto contatto con macchinari e mezzi meccanici, con materiali in ferro e cemento. L'abbigliamento e l'equipaggiamento da lavoro deve essere sempre adeguato per garantire al massimo l'incolumità del lavoratore: casco protettivo, tute da lavoro e scarpe infortunistiche non devono mai mancare.

 

Le scarpe antinfortunistiche: quali requisiti?

È probabilmente il primo capo d'abbigliamento per lavorare in sicurezza in un cantiere: proteggere i piedi da urti, schiacciamento o perforazione è necessario per evitare inconvenienti che potrebbero verificarsi con molta frequenza.
I principali requisiti per una scarpa antinfortunistica sono:

  • lamina antiperforazione;
  • materiale antistatico;
  • resistenza ad olii, idrocarburi e solventi;
  • suola antiscivolo;
  • materiale amagnetico e privo di componenti metallici.

 

Il casco protettivo: caratteristiche?

Tra i dispositivi di protezione da utilizzare sul posto di lavoro, occupano un'importanza centrale quelli che consentono di proteggere il capo, ovvero i caschi antinfortunistici o caschi da lavoro, gli elmetti da lavoro e i caschi di protezione, conformi alla normativa EN 397.
I caschi di solito sono:

  • in polietilene, ABS o policarbonato;
  • isolati elettricamente;
  • con bardatura interna regolabile.

Gli elmetti di protezione per l'industria sono destinati essenzialmente a proteggere l'utilizzatore da oggetti in caduta e dalle lesioni cerebrali e fratture del cranio che ne possono derivare.

 

Oltre la tuta di lavoro, sono obbligatori anche gli accessori?

A completare l'equipaggiamento, ci sono le tute da lavoro: esse consentono di muoversi agevolmente garantendo la massima comodità mentre si lavora. Le tute devono essere:

  • in materiale resistente a strappi o al contatto con vernici e solventi;
  • dotate di tasche per inserire strumenti di lavoro, come cacciaviti o altro;
  • con colori ad alta visibilità e con inserti catarifrangenti.

Infine non possono mancare, laddove serve:

  • guanti protettivi, per una buona presa e per la protezione delle mani;
  • occhiali protettivi, per evitare il contatto con schegge, scintille, vapori o liquidi corrosivi;
  • copri orecchie, per proteggere l'udito da possibili danni durante l'utilizzo di attrezzi particolarmente rumorosi.

 

A quale professionista rivolgersi?

Consulente della sicurezza. Consulente Aziendale.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.