Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Credito d’imposta per adeguamento ambienti di lavoro

Credito d’imposta per adeguamento ambienti di lavoro

Credito d’imposta per adeguamento ambienti di lavoro

Per adeguare gli ambienti di lavoro alle necessità emerse con l’emergenza coronavirus sono necessari dei lavori utili a garantire la sicurezza dei lavoratori e dei propri clienti. Ora è possibile ottenere un credito d’imposta.



L’emergenza da Covid-19 sta rendendo necessaria l’adozione di specifiche misure che dovrebbero garantire la sicurezza dei lavoratori e dei clienti da eventuali rischi di contagio.

Per questo motivo l’adeguamento, anche strutturale, degli ambienti di lavoro diventa un’assoluta necessità, per questo poter beneficiare del credito d’imposta può essere molto importante ai fini della sostenibilità dei lavori.

Chi sono i beneficiari?

L’azione introdotta nel decreto Rilancio si rivolge a tutti i soggetti che esercitano attività d’impresa, arte o professione in ambienti aperti al pubblico. Ma sono interessate anche le associazioni, le fondazioni e gli altri enti privati compresi gli enti del terzo settore.

Quanto è possibile ottenere?

Il credito di imposta per i lavori di adeguamento è pari al 60% delle spese sostenute durante il 2020 e comunque la cifra non può essere superiore agli 80.000 euro.

Sottolineiamo che il credito d’imposta è cumulabile anche con altre agevolazioni per le medesime spese ma è utilizzabile esclusivamente nel 2021 in compensazione.

Quali sono gli interventi interessati?

Il decreto stabilisce che l’azione interessa tutti i lavori di adeguamento che siano utili per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del coronavirus. Sono ammissibili anche le spese di carattere edilizio e più nello specifico il decreto elenca le seguenti tipologie di lavoro:

  1. Rifacimento spogliatoi;
  2. Rifacimento mense;
  3. Realizzazione di spazi medici;
  4. Rifacimento di zone d’ingresso;
  5. Rifacimento di spazi comuni;
  6. Acquisto di arredi di sicurezza;
  7. Investimenti in attività innovative quali strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento delle attività lavorative;
  8. Acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti in generale.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.