Condividi su

Reddito di cittadinanza, online il sito istituzionale


Reddito di cittadinanza, è online il sito istituzionale dove sarà possibile presentare la domanda a partire dal 6 marzo. In attesa di questa data, sul sito le istruzioni su come richiedere l'ISEE (l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai CAF o all'INPS e su come attivare lo SPID.

Online il sito istituzionale del Reddito di Cittadinanza, raggiungibile all'indirizzo www.redditodicittadinanza.gov.it; fino al 6 marzo si tratterà di un portale solamente informativo, che ha il solo scopo di chiarire i requisiti necessari per avere il reddito, i documenti e la prassi da seguire per ottenere Isee e Spid. Successivamente da questo sito sarà possibile inoltrare le domande online per richiedere il Reddito di Cittadinanza. Oltre al sito istituzionale, sarà possibile fare domanda presso i CAF e gli sportelli delle Poste.

Leggi anche > > > Arriva il Reddito di Cittadinanza: ecco i beneficiari

Reddito di Cittadinanza, beneficiari e requisiti

Sul sito istituzionale è possibile verificare a chi è destinato il Reddito di Cittadinanza, come si calcola, come richederlo e come usarlo: hanno diritto al Reddito di Cittadinanza tutti coloro che si trovano al di sotto della soglia di povertà assoluta, individuata dai dati ISTAT e fissata ad un reddito minimo di 780 euro mensili; si stima che i potenziali beneficiari siano circa 5 milioni di persone: il 47% dei beneficiari si trova al Centro-Nord e il 53% al Sud e Isole. Gli altri requisiti sono:

  • essere cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa;
  • avere un ISEE inferiore a 9.360 euro annui;
  • avere un patrimonio immobiliare fino ai 30 mila euro annui, esclusa la prima casa;
  • avere un patrimonio finanziario non superiore a 6 mila euro, che può arrivare fino a 20 mila euro per le famiglie con persone disabili.

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza: come richiederlo, regole e sanzioni

Reddito di Cittadinanza, il Patto per il Lavoro

Come si può leggere in un'altra sezione del sito istituzionale, per ricevere il Reddito di Cittadinanza è necessario rispettare alcune "condizionalità" che riguardano l'immediata disponibilità al lavoro, l'adesione ad un percorso personalizzato di accompagnamento all'inserimento lavorativo e all'inclusione sociale che può prevedere attività di servizio alla comunità, per la riqualificazione professionale o il completamento degli studi. Se la domanda per il Reddito di Cittadinanza viene accolta, il beneficiario verrà contattato dai Centri per l'Impiego per individuare il percorso di formazione o di reinserimento lavorativo da attuare:

  • se il beneficiario è adeguatamente formato, dovrà siglare il Patto per il Lavoro con un Centro Per L'Impiego o un'agenzia per il lavoro;
  • se il beneficiario ha bisogno di formazione, siglerà il Patto di Formazione con Enti di Formazione bilaterale, Enti interprofessionali o aziende;
  • se il beneficiario non è in condizione di lavorare, siglerà il Patto per l'Inclusione Sociale che coinvolgerà sia i servizi sociali che i Centri per l'Impiego.

Nell'ambito del Patto per il Lavoro e del Patto di Inclusione, i beneficiari saranno tenuti a partecipare a progetti utili per la collettività predisposti dai Comuni, fino ad 8 ore settimanali.

Leggi anche > > > Reddito di cittadinanza, sgravi contributivi per le imprese

Reddito di Cittadinanza, vantaggi per chi assume

Nel menu del sito istituzionale c'è anche la voce "Vantaggi per chi assume": sono previste infatti diverse tipologie di incentivi per le imprese che assumono i beneficiari del Reddito di cittadinanza a tempo pieno e indeterminato e per i beneficiari del Reddito di Cittadinanza che avviano attività imprenditoriali. Nello specifico:

  • ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza che avviano un'attività lavorativa autonoma o di impresa individuale, entro i primi 12 mesi di fruizione del Reddito di Cittadinanza, è riconosciuto in un'unica soluzione un beneficio addizionale pari a sei mensilità del Reddito di Cittadinanza, nei limiti di 780 euro mensili.
  • All'impresa che assuma a tempo pieno e indeterminato un beneficiario del Reddito di Cittadinanza, è riconosciuto, sotto forma di sgravi contributivi, un importo pari alla differenza tra le 18 mensilità di Reddito di Cittadinanza e quello già goduto dal beneficiario stesso. Questo importo è incrementato di una mensilità, in caso di assunzione di donne e di soggetti svantaggiati.
  • All'impresa che assuma a tempo pieno e indeterminato il beneficiario del Reddito di Cittadinanza, attraverso l'attività svolta da un'agenzia per il lavoro, è riconosciuto, sotto forma di sgravi contributivi, un importo pari alla metà della differenza tra l'importo corrispondente a 18 mensilità di Reddito di Cittadinanza e quello già goduto dal beneficiario stesso. Questo importo è incrementato di una mensilità, in caso di assunzione di donne e di soggetti svantaggiati, e non potrà comunque essere inferiore a 5 mensilità, elevate a 6 in caso di soggetti svantaggiati e donne. La restante metà dell'ammontare è riconosciuta all'agenzia per il lavoro, sotto forma di sgravi contributivi.

Continua a seguirci per ulteriori aggiornamenti e informazioni: forniremo costantemente ulteriori notizie ed eventuali novità riguardanti il Reddito di Cittadinanza. Per qualsiasi altro dubbio, ci sono sempre i nostri Knowerscarica l'app e lancia una domanda!

Come potrà essere utilizzata la carta di pagamento elettronica su cui verrà erogato il Reddito di Cittadinanza?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

agevolazioni, reddito, famiglia, lavoro
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


ASD e SSD: a rischio le agevolazioni fiscali

ASD e SSD: a rischio le agevolazioni fiscali

di Luca Domenico Chiacchiari
17 Mar 2019
Sicurezza sul lavoro: incentivi a fondo perduto

Sicurezza sul lavoro: incentivi a fondo perduto

di Luca Domenico Chiacchiari
16 Mar 2019