Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Reddito di Cittadinanza: calcolo carta elettronica RdC

Reddito di Cittadinanza: calcolo carta elettronica RdC

Reddito di Cittadinanza: calcolo carta elettronica RdC

Sono partiti i primi pagamenti del Reddito di Cittadinanza, accreditato ai beneficiari sulla carta elettronica RdC. Vediamo nel dettaglio come si calcola il Reddito di Cittadinanza, i limiti di reddito, la scala di equivalenza e come controllare lo stato della domanda sul sito dell'INPS.



Sono partiti i primi pagamenti del Reddito di Cittadinanza; l'INPS sta provvedendo a verificare la correttezza e la regolarità dei requisiti di accesso, accogliendo o respingendo le domande presentate a partire dal 6 marzo. Dopo il monitoraggio l'INPS fornisce il suo responso. In caso di accoglimento della domanda, il beneficiario viene avvisato via mail o via smsL'INPS, inoltre, ha messo a disposizione il servizio online che permette la consultazione delle domande di Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza presentate presso gli sportelli di Poste Italiane, i CAF o tramite SPID sul sito ufficiale Reddito di Cittadinanza

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza: le ultime novità

Reddito di Cittadinanza, come si calcola?

Il Reddito di Cittadinanza si compone di due parti:

  • una integra il reddito familiare fino alla soglia di 6 mila euro, moltiplicati per la scala di equivalenza (7.560 euro per la Pensione di cittadinanza),
  • l'altra, destinata solo a chi è in affitto, incrementa il beneficio di un ammontare annuo pari al canone di locazione fino ad un massimo di 3.360 euro (1.800 euro per la Pensione di cittadinanza). È prevista anche una integrazione per famiglie proprietarie della casa di abitazione, laddove sia stato acceso un mutuo: in questo caso l'integrazione, pari al massimo alla rata del mutuo, non può superare 1.800 euro.

L'importo complessivo, sommate le due componenti, non può comunque superare i 9.360 euro annui (780 euro mensili), moltiplicati per la scala di equivalenza.

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza, tutti i moduli di domanda

Reddito di Cittadinanza, che cos'è la carta elettronica RdC?

In seguito alla domanda per il Reddito di Cittadinanza e in caso di risposta positiva da parte dell'INPS, il beneficiario deve recarsi presso un ufficio di Poste Italiane a ritirare la propria Carta Reddito di Cittadinanza sulla quale è caricata la somma spettante. La Carta, che somiglia in tutto e per tutto ad una normale PostePay, è di colore giallo e provvista di chip, reca il logo del circuito Mastercard e 16 numeri stampati sopra. Non c'è stampato il nome dell'intestatario per motivi di privacy.

Leggi anche > > > Chiedere la disoccupazione, ecco come fare

Reddito di cittadinanza: come controllo lo stato della domanda?

Così come avviene per la domanda di disoccupazione Naspi, chi ha presentato domanda per il Reddito di Cittadinanza può visualizzare lo stato della domanda sull'apposito servizio dell'INPS, presente sul sito dell'Istituto. La sezione è "Stato di una pratica o di una domanda", raggiungibile dalla voce "Prestazioni e Servizi". Il servizio consente agli utenti che hanno presentato una domanda all'INPS di controllare lo stato di lavorazione della richiesta stessa. Questo sarà possibile fornendo il proprio codice fiscale e l'identificativo della pratica. Si può accedere al servizio tramite le solite credenziali (Pin Inps, CNS e SPID).

Leggi anche >>> REDDITO DI CITTADINANZA E NASPI: SONO COMPATIBILI OPPURE NO?

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.