Condividi su

Pensione Opzione donna 2019, i nuovi requisiti


Nel 2019 le lavoratrici con 58 anni, se dipendenti, o 59 anni, se autonome, e 35 anni di contributi al 31 dicembre 2018, potranno andare in pensione anticipata grazie a Opzione donna: il calcolo viene effettuato esclusivamente attraverso il metodo contributivo. Ecco tutte le ultime novità.

Lo avevamo già preannunciato in un precedente articolo: Pensione Opzione donna è stata prorogata anche per il 2019. La cosiddetta "Opzione donna" è una prestazione economica erogata, a domanda, alle lavoratrici dipendenti e autonome che, avendo maturato entro il 31 dicembre 2018 i requisiti previsti dalla legge, optano per il sistema di calcolo contributivo della pensione. Ecco in che cosa consiste.

Leggi anche > > > Pensione Quota 100, i requisiti

Pensione Opzione donna 2019, che cos'è?

La pensione Opzione donna è l'opportunità per le donne lavoratrici dipendenti e autonome, che rientrino in determinati requisiti contributivi, di accedere alla pensione anticipata attraverso la presentazione della c.d. domanda Opzione donna.
Per le lavoratrici che intendono avvalersi dell'Opzione donna 2019, il calcolo viene effettuato esclusivamente sul metodo contributivo; di conseguenza anche le lavoratrici a cui spetterebbe il calcolo della pensione sul metodo misto, cioè contributivo e retributivo, dovrebbero rinunciarvi per poter andare in pensione anticipata. Probabilmente, quindi, per alcune lavoratrici, aderire alla pensione Opzione donna 2019 potrebbe essere fortemente penalizzante.

Leggi anche > > > APE sociale 2019: riapertura dei termini

Pensione Opzione donna 2019, quali requisiti?

La pensione Opzione donna consente alle donne lavoratrici dipendenti ed autonome di andare in pensione anticipata qualora siano in possesso di determinati requisiti. I requisiti per presentare domanda di pensione anticipata con l'Opzione donna sono:

  • lavoratrici dipendenti: età anagrafica di 58 anni;
  • lavoratrici autonome: età anagrafica di 59 anni;
  • contributi minimi: aver versato almeno 35 anni di contribuzione entro il 31 dicembre 2018.

Una volta maturate queste condizioni, l'attesa per la liquidazione dell'assegno pensionistico è di 12 mesi per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le lavoratrici autonome. Ecco una tabella riassuntiva:

Lavoratrici Autonome Dipendenti Ex Indapd FS e Poste
Requisito contributivo 35 anni 35 anni 34 anni,11 mesi e 16 giorni
Ultima data per maturazione Req. contributivo 31/12/2018 31/12/2018 31/12/2018
Età anagrafica 59 anni 58 anni 58 anni
Ultima data per maturazione Req. anagrafico 31/12/2018 31/12/2018 31/12/2018
Ultima data di nascita utile 31/12/1959 31/12/1960 31/12/1960
Finestra mobile 18 mesi 12 mesi 12 mesi
Ultima apertura finestra mobile 01/07/2020 01/07/2020 01/07/2020

 

Leggi anche > > > Canone Rai 2019, pagamento ed esenzione

Pensione Opzione donna 2019, come presentare domanda?

Per conseguire la Pensione Opzione donna 2019 è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro per le lavoratrici dipendenti; non è invece richiesta la cessazione dell'attività svolta in qualità di lavoratrice autonoma. Per presentare la domanda è possibile:

  • utilizzare i servizi INPS online;
  • contattando il contact center INPS al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • rivolgersi a un CAF oppure a un Patronato.

Vuoi saperne di più sulla Pensione Opzione donna 2019? Chiedi ai nostri Knower! Scarica l'app e lancia una domanda! È gratis!

Sono stata licenziata il 31 agosto 2017; a gennaio 2018 ho aperto la partita iva ed ho richiesto la Naspi in unica soluzione. Sono nata a maggio del 1961 ed ho iniziato a lavorare ad ottobre del 1983. Posso aderire a Opzione donna nel 2019?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

inps, pensione, famiglia, lavoro
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


ASD e rendiconto annuale: vademecum per l'approvazione

ASD e rendiconto annuale: vademecum per l'approvazione

di Luca Domenico Chiacchiari
16 Apr 2019