-->

APE sociale 2019: riapertura dei termini

di Know How

in REDDITO
Tempo di lettura: 2 min

L'APE sociale è una forma di pensione anticipata che prevede un’indennità a carico dello Stato erogata dall’INPS; è possibile presentare all’INPS domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso, entro i seguenti termini: 31 marzo 2019, 15 luglio 2019 e 30 novembre 2019.

Condividi su

L'INPS, in seguito alla proroga dell'APE sociale fino al 31 dicembre 2019, ha proceduto con la riapertura dei termini per la presentazione delle domande. Già dal 29 gennaio è possibile presentare domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio dell'APE sociale per coloro che maturano i requisiti richiesti nel corso del 2019. Vediamo cos'è e come funziona l'APE sociale.

Leggi anche > > > Pensione Quota 100, i requisiti

Cos'è l'APE sociale?

L'Anticipo Pensionistico Sociale è una nuova forma sperimentale di pensione anticipata: consente ai lavoratori, con almeno 63 anni e 30 anni di contributi versati, di poter accedere alla pensione anticipata APE, senza doverne pagare i costi. L'APE si divide in 3 misure differenti:

  • L'APE sociale, di cui parliamo in questo articolo: determinate categorie di lavoratori, tra cui disoccupati, invalidi, lavoratori usuranti, hanno la possibilità di accedere alla pensione anticipata 3 anni e 7 mesi prima, senza sostenere i costi del prestito perché a carico dello Stato;
  • L'APE aziendale: è la pensione anticipata concordata tra azienda e lavoratore, in cui è l'impresa a farsi carico dell'onere APE.
  • L'APE volontaria, di cui abbiamo già parlato: prevede che per accedere all'Anticipo pensionistico volontario, il lavoratore debba richiedere, tramite l'Inps, un prestito a banche o assicurazioni, che servirà a coprire il periodo di anticipo della pensione. Una volta raggiunti i requisiti per la pensione vera e propria, quanto "prestato" va restituito con un piano di ammortamento con rate mensili di 20 anni + interessi.

Leggi anche > > > Reddito di cittadinanza, online il sito istituzionale

APE sociale 2019, quali requisiti?

Possono presentare domanda di APE sociale coloro che:

  • abbiano almeno 63 anni di età;
  • abbiano almeno 30 anni di contributi versati;
  • non abbiano alcuna pensione diretta;
  • siano disoccupati che abbiano terminato di percepire, da almeno tre mesi, la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • al momento della richiesta, e da almeno sei mesi, assistono il coniuge, un genitore o un figlio con handicap grave;
  • sono invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%;
  • sono dipendenti che svolgono o abbiano svolto da almeno sei anni in via continuativa le attività c.d. "usuranti" descritte nell'allegato A del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 maggio 2017, n. 88.

APE sociale 2019, quali termini per le domande?

Per poter usufruire dell'APE sociale 2019, è necessario presentare due domande differenti:

  • la prima, volta a certificare il possesso dei requisiti per accedere all'APE sociale 2019;
  • la seconda, accertato il possesso dei requisiti, riguarda la vera e propria richiesta dell’istanza di liquidazione dell’Ape sociale. 

I termini per la riapertura delle istanze sono:

  • 31 marzo 2019;
  • 15 luglio 2019;
  • 30 novembre 2019.

Le domande per l'APE sociale 2019, possono essere presentate all'INPS direttamente online, tramite numero verde oppure rivolgendosi a Caf e Patronati. Poichè le domande di coloro in possesso dei requisiti verranno accolte fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili, è consigliabile presentare domanda per l'APE sociale 2019 il prima possibile. Hai bisogno di assistenza per presentare domanda all'INPS per l'APE sociale 2019? Chiedi ai nostri Knower! Scarica l'app e lancia una domanda! È gratis!

Tag

inpspensionefamiglialavoro

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..

Previdenza complementare: perché è importante?

di Massimiliano Alfonso
24 aprile 2019    0
inps, pensione, risparmiatori, lavoro


Oggi parlo di REDDITO