Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / APE sociale 2019: riapertura dei termini

APE sociale 2019: riapertura dei termini

APE sociale 2019: riapertura dei termini

L'APE sociale è una forma di pensione anticipata che prevede un’indennità a carico dello Stato erogata dall’INPS; è possibile presentare all’INPS domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso, entro i seguenti termini: 31 marzo 2019, 15 luglio 2019 e 30 novembre 2019.



L'INPS, in seguito alla proroga dell'APE sociale fino al 31 dicembre 2019, ha proceduto con la riapertura dei termini per la presentazione delle domande. Già dal 29 gennaio è possibile presentare domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio dell'APE sociale per coloro che maturano i requisiti richiesti nel corso del 2019. Vediamo cos'è e come funziona l'APE sociale.

Leggi anche > > > Pensione Quota 100, i requisiti

Cos'è l'APE sociale?

L'Anticipo Pensionistico Sociale è una nuova forma sperimentale di pensione anticipata: consente ai lavoratori, con almeno 63 anni e 30 anni di contributi versati, di poter accedere alla pensione anticipata APE, senza doverne pagare i costi. L'APE si divide in 3 misure differenti:

  • L'APE sociale, di cui parliamo in questo articolo: determinate categorie di lavoratori, tra cui disoccupati, invalidi, lavoratori usuranti, hanno la possibilità di accedere alla pensione anticipata 3 anni e 7 mesi prima, senza sostenere i costi del prestito perché a carico dello Stato;
  • L'APE aziendale: è la pensione anticipata concordata tra azienda e lavoratore, in cui è l'impresa a farsi carico dell'onere APE.
  • L'APE volontaria, di cui abbiamo già parlato: prevede che per accedere all'Anticipo pensionistico volontario, il lavoratore debba richiedere, tramite l'Inps, un prestito a banche o assicurazioni, che servirà a coprire il periodo di anticipo della pensione. Una volta raggiunti i requisiti per la pensione vera e propria, quanto "prestato" va restituito con un piano di ammortamento con rate mensili di 20 anni + interessi.

Leggi anche > > > Reddito di cittadinanza, online il sito istituzionale

APE sociale 2019, quali requisiti?

Possono presentare domanda di APE sociale coloro che:

  • abbiano almeno 63 anni di età;
  • abbiano almeno 30 anni di contributi versati;
  • non abbiano alcuna pensione diretta;
  • siano disoccupati che abbiano terminato di percepire, da almeno tre mesi, la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • al momento della richiesta, e da almeno sei mesi, assistono il coniuge, un genitore o un figlio con handicap grave;
  • sono invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%;
  • sono dipendenti che svolgono o abbiano svolto da almeno sei anni in via continuativa le attività c.d. "usuranti" descritte nell'allegato A del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 maggio 2017, n. 88.

APE sociale 2019, quali termini per le domande?

Per poter usufruire dell'APE sociale 2019, è necessario presentare due domande differenti:

  • la prima, volta a certificare il possesso dei requisiti per accedere all'APE sociale 2019;
  • la seconda, accertato il possesso dei requisiti, riguarda la vera e propria richiesta dell’istanza di liquidazione dell’Ape sociale. 

I termini per la riapertura delle istanze sono:

  • 31 marzo 2019;
  • 15 luglio 2019;
  • 30 novembre 2019.

Le domande per l'APE sociale 2019, possono essere presentate all'INPS direttamente online, tramite numero verde oppure rivolgendosi a Caf e Patronati. Poichè le domande di coloro in possesso dei requisiti verranno accolte fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili, è consigliabile presentare domanda per l'APE sociale 2019 il prima possibile.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.