Condividi su

Online il bando per i centri di competenza ad alta specializzazione


Incentivi per quattro anni dal Ministero dello Sviluppo Economico per centri di ricerca 4.0 costituiti da almeno un organismo di ricerca/università e da una o più imprese. Mancano ancora pochi giorni per presentare la domanda, in via telematica fino al 30 aprile 2018.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha appena pubblicato il bando per la costituzione dei Centri di competenza ad alta specializzazione: si tratta di poli di innovazione, come si legge nel Decreto 29 Gennaio 2018, "ad alta specializzazione in grado di favorire il trasferimento di soluzioni tecnologiche e l’innovazione nei processi produttivi e/o nei prodotti e/o nei modelli di business derivanti dallo sviluppo, adozione e diffusione delle tecnologie in ambito 4.0, in coerenza con il quadro degli interventi del Piano nazionale Industria 4.0".

Cos'è il centro di competenza?

Il centro di competenza è costituito, ai sensi dell’articolo 3 del Decreto, da più soggetti, pubblici e privati, nella forma del “partenariato pubblico-privato”, con lo scopo di realizzare un articolato programma di attività, comprendente servizi di orientamento e formazione alle imprese nonché l’attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, finalizzato alla realizzazione, da parte delle imprese fruitrici, in particolare delle PMI, di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo e l’adozione di tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0.

Finalità del progetto

Il programma di attività, nello specifico, ha ad oggetto i seguenti servizi:

  • orientamento alle imprese, in particolare PMI, attraverso la predisposizione di una serie di strumenti volti ad aiutare le imprese nel valutare il loro livello di maturità digitale e tecnologico;
  • formazione alle imprese, al fine di promuovere e diffondere le competenze in ambito Industria 4.0 mediante attività di formazione in aula e sulla linea produttiva e su applicazioni reali utilizzando, ad esempio, linee produttive dimostrative e sviluppo di casi d’uso;
  • attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, proposti dalle imprese, compresi quelli di collaborazione tra le stesse, e fornitura di servizi di trasferimento tecnologico in ambito Industria 4.0.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni previste, i centri di competenza nella forma di partenariati pubblico/privati, costituiti da partner diversi, pubblici e privati (imprese e altri operatori economici, inclusi quelli che svolgono attività di intermediazione finanziaria e/o assicurativa, associazioni di categoria nazionali o territoriali, etc.), con la partecipazione di almeno un organismo di ricerca che abbia una stabile organizzazione in Italia.

Le spese ammissibili

Nell’ambito del programma di attività presentato dal centro di competenza sono ammissibili le spese aventi ad oggetto:

  • l’acquisizione di attrezzature, impianti e macchinari, nonché componenti hardware e software funzionali alla realizzazione del programma di attività;
  • il personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto di collaborazione o di somministrazione di lavoro, ovvero titolare di specifico assegno di ricerca, nella misura in cui è impegnato nella realizzazione del programma di attività del centro;
  • licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • organizzazione di corsi di formazione sulle tecnologie e le applicazioni in ambito Industria 4.0, per facilitare la condivisione delle conoscenze e il lavoro in rete;
  • attività di marketing del centro di competenza volta a promuovere la partecipazione di nuove imprese o organismi di ricerca ed aumentare la visibilità del centro.

Il finanziamento pubblico copre nella misura massima del 50% le spese per la costituzione e l'avviamento dell’attività del centro di competenza; le spese per progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale non possono essere superiori al 65% delle spese complessive in oggetto; le spese relative alle attività di orientamento alle imprese non possono essere superiori al 15% delle spese totali.

La domanda va presentata esclusivamente in via telematica, all’indirizzo PEC dgpicpmi.dg@pec.mise.gov.it dal 1° febbraio al 30 aprile 2018. Si rimanda al sito del Ministero dello sviluppo economico per tutti gli altri dettagli.

 

 

Quali sono le spese ammissibili per la costituzione di Centri di competenza ad alta specializzazione?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

incentivi, orientamento, formazione, universita, impresa, agevolazioni
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Bonus mamma 2019: tutti i requisiti

Bonus mamma 2019: tutti i requisiti

di Know How
20 Mag 2019