-->

Firma digitale: come ottenerla?

di Carlo Veronese

in FARE IMPRESA
Chatta su Know How
Tempo di lettura: 2 min

Devi procurarti un kit per la firma digitale ma non sai come fare? Hai bisogno di un aiuto per seguire la procedura corretta? Ecco una guida pratica che ti indica passo dopo passo quello che devi fare per acquistare ed attivare un kit per la firma digitale.

Condividi su

Si sente spesso parlare di firma digitale, ma cos'è esattamente? Soprattutto chi si affaccia nel mondo dell'imprenditoria ha a che fare con questo adempimento burocratico. La firma digitale è uno strumento grazie al quale cittadini, professionisti e imprese possono firmare i documenti elettronici, conferendo a questi ultimi un valore legale. La firma digitale serve a garantire tre cose:

  • l'autenticità, perchè assicura l’identità della persona o dell’impresa che firma un documento;
  • l'integrità, poichè i documenti firmati digitalmente non possono essere successivamente modificati;
  • il "non ripudio", cioè chi ha firmato digitalmente i documenti non può dire che non gli appartengono.

Per ottenere la firma digitale è necessario acquistare un kit composto da alcuni dispositivi e attivarlo verificando la propria identità. Vediamo dunque qual è l'iter da seguire passo dopo passo.

Leggi anche > > > 4 modi per fare business con la propria idea

1 - acquistare il kit

Il primo step è quello di procurarsi il kit per la firma digitale: devi scegliere a quale ente certificatore rivolgerti, collegarti sul suo sito web e procedere con l'acquisto. Di enti certificatori ce ne sono moltissimi, tra cui Aruba, Infocert, Poste Italiane solo per citarne alcuni: trovi l'elenco completo sul sito ministeriale dell'AGID (Agenzia per l'Italia Digitale). Dopo aver trovato il kit che fa al caso tuo, devi creare un account sul sito dell’ente certificatore scelto e devi procedere con l'acquisto tramite carta di credito, carta ricaricabile o PayPal, a seconda dei metodi di pagamento accettati, fornendo tutti i tuoi dati personali e un documento d'identità valido. Il kit ha un prezzo variabile, che si aggira mediamente tra i 30 e i 60 euro.

Leggi anche > > > Industria 4.0: le 5 novità che devi conoscere

2 - verificare la tua identità

Una volta acquistato il kit della firma digitale, devi effettuare il riconoscimento; in sostanza è necessario che venga verificata la tua identità. Puoi farlo attraverso diverse modalità e più precisamente:

  • tramite procedura online; alcuni enti certificatori consentono l'attivazione via web;
  • presso un Pubblico Ufficiale; puoi recarti presso un Pubblico Ufficiale (Ufficio Anagrafe o Tribunale) con il modulo di richiesta di registrazione e certificazione scaricato dopo l'acquisto del kit e una marca da bollo per la pratica;
  • presso un ufficio postale; puoi recarti presso la sede del corriere o delle poste, scelta dall'ente certificatore per la consegna del kit, e procedere con il riconoscimento;
  • a domicilio; puoi farti identificare direttamente dal postino, esibendo un documento d'identità valido e firmando la documentazione recapitata insieme al kit.

Leggi anche > > > Nuova Sabatini 2019, accesso al credito per le PMI

3 - attivare il kit

Dopo aver verificato la tua identità, puoi attivare il kit di firma digitale che hai acquistato. Per farlo, devi collegarti al sito internet dell'ente certificatore presso il quale hai effettuato l'acquisto e seguire la procedura online di attivazione. Normalmente vengono richiesti il codice seriale della smart card, il codice fiscale e alcuni documenti relativi alla verifica della tua identità. Ogni ente certificatore ha la sua procedura, pertanto segui le istruzioni che trovi sul sito ufficiale. Una volta completato questo ultimo step, sei pronto: puoi cominciare a firmare digitalmente i tuoi documenti, dando loro valore legale.

Tag

fareimpresaelettronicaimpresastartup

di Carlo Veronese
Dottore Commercialista e Revisore Legale

Carlo Veronese

Dottore Commercialista dal 1996. Svolge la sua attività prevalentemente per aziende private: oltre alla fiscalità ordinaria, si occupa di controllo di gestione, fornendo il suo supporto agli imprenditori nelle scelte aziendali. Specializzato SAF in contenzioso tributario, è anche Revisore Legale. Non solo aziende, ma anche assistenza e consulenza ad enti no profit per l'accesso a bandi pubblici e privati.

www.knowhow.it

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..



Oggi parlo di FARE IMPRESA