Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Opportunità per aziende e lavoratori grazie a welfare e formazione

Opportunità per aziende e lavoratori grazie a welfare e formazione

Opportunità per aziende e lavoratori grazie a welfare e formazione

Il welfare aziendale è uno strumento valido anche per favorire il reinserimento lavorativo dei lavoratori in esubero, oppure ampliare le competenze dei propri dipendenti. In che maniera è possibile accedervi? Quali sono i benefici per l'azienda? Quali, invece i benefici per il lavoratore?



Il panorama del welfare aziendale è molto vasto nei suoi campi di applicazione, e tra questi vi è anche quello legato alla formazione dei dipendenti. Questo ambito acquisisce ancora più importanza quando si rivolge al personale in esubero, che è prossimo al licenziamento per eccesso di personale in azienda.

Che cos’è il Fondo Nuovo Competenze?

È un programma ministeriale che prevede l’attivazione di percorsi formativi di ricollocazione a favore dei lavoratori in uscita dalle aziende, ovvero prossimi al licenziamento per esubero del personale. Tali percorsi formativi sono coperti da fondi statali per un monte di 250 ore di formazione.

Come si accede ai percorsi formativi?

L’accesso avviene mediante la sottoscrizione di accordi collettivi aziendali.

Qual è lo scopo dei percorsi formativi?

Lo scopo è duplice: da un lato preparare i lavoratori a raccogliere le nuove sfide aziendali interne, ma dall’altro lato vi è anche lo scopo di aumentare le loro competenze in vista di un ricollocamento altrove, qualora vi sia la necessità di procedere al licenziamento di personale in esubero.

Leggi anche >>> FONDO STUDIO: AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER LA FORMAZIONE DEI GIOVANI

Perché è importante programmare la ricollocazione dei lavoratori?

In uno scenario come quello che stiamo vivendo, quando verrà meno il blocco sui licenziamenti, ci sarà sicuramente la necessità di aiutare i lavoratori a reinserirsi in ambito professionale. Per questo motivo i percorsi formativi attivati tramite welfare aziendale sono strutturati sulla base delle competenze pregresse dei lavoratori, al fine di migliorarle e ampliarle, così da rendere più semplice la transizione verso nuovi ambiti lavorativi.

Che rapporto esiste tra welfare e formazione?

Il rapporto sussiste nel momento in cui tra l’azienda decide di offrire, come benefit nell’ambito del welfare aziendale, percorsi formativi per i propri dipendenti. Il senso di questi percorsi acquista maggiore significato e importanza se sono strutturati appositamente per favorire l’acquisizione di nuove competenze o di nuovi mestieri a vantaggio di coloro che sono a maggior rischio esubero qualora le cose non dovessero migliorare quando verrà meno il blocco dei licenziamenti. Sostanzialmente si tratta di canali alternativi alle politiche attive del lavoro in essere.
Leggi anche >>> FONDO NUOVE COMPETENZE: UNO STRUMENTO PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

Quali sono i vantaggi per l’azienda?

Inquadrandosi come welfare, i percorsi formativi saremmo integralmente deducibili, offrendo al contempo un servizio importante ai propri lavoratori, e di riflesso all’azienda quando la formazione è finalizzata ad aumentare le competenze dei dipendenti.

Leggi anche >>> SICUREZZA SUL LAVORO: ARTICOLO 36 E 37 DEL TUSSL

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.