Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Efficienza energetica: l'Italia verso il 2020

Efficienza energetica: l'Italia verso il 2020

Efficienza energetica: l

Trend positivo per l'Italia per il miglioramento dell'efficienza energetica previsto dalla direttiva europea: pubblicata dal Ministero dello Sviluppo Economico la Relazione annuale sull'efficienza energetica. L'obiettivo del 2020, stando ai dati attuali, sembra a portata di mano.



Il Ministero dello Sviluppo Economico fa il punto della situazione riguardo gli obiettivi di efficienza energetica dell'Italia al 2020: è stata pubblicata la Relazione annuale sull'efficienza energetica.

Leggi anche >>> INCENTIVI ENERGIA DEL MISE PER LE AZIENDE: CONTO TERMICO E CERTIFICATI BIANCHI

Quali obiettivi?

L'unità di misura di energia si esprime in tep: l'acronimo sta per "tonnellata equivalente di petrolio" (in inglese tonne of oil equivalent, toe); per i multipli vengono utilizzati Mtep e Gtep, rispettivamente un milione di tep e un miliardo di tep.
L'Italia si propone di conseguire al 2020 un consumo annuo in termini di energia primaria pari a 158 Mtep e in energia finale pari a 124 Mtep. A questo obiettivo si affianca una riduzione dei consumi di energia finale obbligatoria, da conseguire per mezzo di politiche attive come le detrazioni per l'efficienza energetica, prevista dalla direttiva europea EED (2012/27/UE, articolo 7).
L'Italia si è impegnata a conseguire un volume di risparmi cumulati pari a 25,5 Mtep di energia finale nel periodo 2014-2020. Inoltre, nel nostro Paese, è in corso la riqualificazione degli edifici della pubblica amministrazione centrale ad un tasso del 3% annuo della superficie occupata, coerentemente con le previsioni della direttiva EED (articolo 5).

Leggi anche >>> RISTRUTTURAZIONE E DETRAZIONE: DILLO ALL'ENEA

Quali sono i risultati conseguiti?

La domanda di energia primaria nel 2016 si è ridotta dello 0,8% rispetto al 2015 con un consumo pari a 148,4 Mtep, confermando l'andamento decrescente degli ultimi anni con l'eccezione dell'anno 2015. I consumi finali di energia (esclusi gli usi non energetici) nel 2016 sono stati pari a 115,9 Mtep, in lieve diminuzione (-0,3%) rispetto al 2015, principalmente dovuta ai cali nel settore trasporti, -1,1%, e nel settore residenziale, -1,0%. Con l'attuale trend è possibile stimare un consumo di energia finale al 2020 al di sotto del target fissato a 124 Mtep (-1,2%).
In merito al target di risparmio obbligatorio, nel periodo 2014-2017 le misure di policy già notificate alla Commissione europea hanno prodotto risparmi di energia finale cumulati per circa 7,5 Mtep, pari a circa il 30% del target al 2020. L'attività di monitoraggio in corso con Enea sta rilevando anche i risparmi di energia derivanti dalle altre iniziative messe in campo a livello regionale e locale. Considerato che si tratta di risparmio cumulato, si stima necessario mantenere almeno l'attuale trend di risparmi per raggiungere l'obiettivo dei 25,5 Mtep al 2020.
Per quanto riguarda gli edifici della pubblica amministrazione centrale, la relazione riporta la percentuale annua della superficie oggetto di interventi riqualificazione energetica, positivamente al di sopra dell'obbligo del 3%.

Leggi anche >>> RISPARMIO ENERGETICO, SCONTO IN FATTURA ANZICHÉ DETRAZIONE

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.