-->

Affitti brevi, Airbnb in 5 mosse

di Know How

in CASA
Tempo di lettura: 3 min

Vuoi affittare casa su Airbnb? Ecco come farlo in 5 mosse. In attesa che venga approvata definitivamente la "Tassa Airbnb", che costringerebbe la piattaforma online ad ottemperare a diversi obblighi legali e fiscali, vediamo come creare un annuncio sul più grande sito di affitti online.

Condividi su

Vuoi mettere a reddito un appartamento? Vuoi lanciarti nel mondo degli affitti online? Rivolgersi ad Airbnb è il primo pensiero: leader del settore degli affitti brevi, il colosso di San Francisco rappresenta sicuramente un'ottima opportunità per guadagnare offrendo alloggio ed esperienze turistiche. "Indipendentemente dal tipo di casa o stanza che vuoi condividere" si legge sul sito ufficiale, "Airbnb rende semplice e sicuro ospitare dei viaggiatori. Spetta a te il controllo completo della disponibilità, dei prezzi, delle regole della casa e della modalità di interazione con gli ospiti". Che bello, tutto facile! Tuttavia, ci sono alcuni adempimenti burocratici e fiscali da ottemperare, che in materia di turismo variano a seconda delle normative comunali e regionali, per essere in regola ed evitare brutte sorprese. Vediamo quindi come affittare casa su Airbnb in 5 mosse.

Leggi anche > > > Comprare casa con l'affitto: il Rent to Buy

1) Comunicazione alla Regione

Il primo step è la Scia, la comunicazione di inizio attività: collegandosi al sito impresainungiorno.gov.it, è possibile scaricare i moduli per compilare la pratica Suap (Sportello Unico delle Attività Produttive). Dopo aver firmato digitalmente la pratica, la comunicazione arriva sia alla Regione che al proprio Comune. Non tutti i Comuni, soprattutto quelli più piccoli, sono abilitati ad accedere a Impresa in un giorno: in questo caso ci si dovrà recare fisicamente in Comune e presentare una domanda scritta. 

Leggi anche > > > L'Attestato di Prestazione Energetica (APE): tutti i dettagli

2) La tassa di soggiorno

L'imposta di soggiorno, o tassa di soggiorno, è un'imposta di carattere locale applicata a carico delle persone che alloggiano nelle strutture ricettive. L'applicazione dell'imposta avviene secondo criteri molto diversi, sia per le tariffe applicate sia per le modalità di applicazione: il tetto massimo previsto è di 5 euro al giorno per persona. Dunque è importante informarsi presso il proprio Comune per sapere come applicare correttamente la tassa di soggiorno ai propri ospiti.

Leggi anche > > > Affitti brevi: tutte le info

3) Comunicazione in Questura

Altro passaggio fondamentale è comunicare in Questura i nominativi dei propri ospiti. Collegandosi a alloggiatiweb.poliziadistato.it e ottenute le credenziali, sarà necessario inserire le generalità di tutte le persone che occuperanno casa nostra. Si hanno 24 ore di tempo dall'arrivo degli ospiti e la mancata comunicazione di questi dati è punibile penalmente: attenzione quindi a questo aspetto. Le ricevute di registrazione, disponibili sul sito della Questura per 30 giorni, vanno obbligatoriamente conservate per 5 anni.

Leggi anche > > > Contratti di locazione: 5 tipologie tra cui scegliere

4) L'annuncio su Airbnb

Finalmente arriva la parte divertente: la pubblicazione dell'annuncio su Airbnb! Qui puoi dare sfogo alla tua fantasia e alla tua creatività: fai delle belle foto che rappresentino fedelmente la condizione e gli arredi del tuo appartamento, inserendo didascalie e una descrizione dettagliata degli spazi. Fornisci delle regole della casa per gestire situazioni che riguarderanno i tuoi ospiti. Le tue regole possono fornire chiarezza su quello che permetti e vieti, come ad esempio fumare, ospitare animali domestici o accogliere visitatori aggiuntivi. Per tutto il resto, Airbnb ti segue passo passo per creare un annuncio accattivante e a regola d'arte.

Leggi anche > > > Vendere casa: e le detrazioni fiscali?

5) Le tasse

Si è sentito parlare molto spesso di "Tassa Airbnb", la norma che costringerebbe la piattaforma online ad agire da sostituto d'imposta, cioè riscuotere la cedolare secca sugli affitti breviPoichè la questione è ancora in alto mare, tra sentenze del Tar del Lazio e Consiglio di Stato, spetta a chi affitta presentare tutto in denuncia dei redditi, comunicando al Caf o al commercialista la lista dei compensi dell'anno precedente, riportati sul sito di Airbnb sotto la voce "cronologia delle transazioni".

Vuoi affittare la tua seconda casa o un immobile di tua proprietà su Airbnb? Vuoi maggiori informazioni sugli aspetti legali e fiscali? Scarica l'app e lancia una domanda ai nostri Knower! È gratis!

 

 

Tag

affittocaseimmobiliimmobiliare

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..



Oggi parlo di CASA