Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Welfare aziendale WIN/WIN : benefici e opportunità per le PMI ed i loro dipendenti

Welfare aziendale WIN/WIN : benefici e opportunità per le PMI ed i loro dipendenti

Welfare aziendale WIN/WIN : benefici e opportunità per le PMI ed i loro dipendenti

In generale, con il termine welfare aziendale s'intende l’insieme delle iniziative di natura contrattuale o unilaterali da parte del datore di lavoro volte a incrementare il benessere del lavoratore e della sua famiglia attraverso modalità “alternative” alla retribuzione. 

 



In questo articolo andremo a sviscerare i 3 principali motivi che hanno spinto gia molti imprenditori a destinare parte delle risorse finanziare presenti per integrare gli aspetti riguardanti il welfare aziendale, come poter strutturare un piano di integrazione adeguato alla propria attività d'impresa ed infine inquadreremo i principali benefici fiscali che il legislatore dispone in materia.

Leggi anche >>> AUMENTARE LA PRODUTTIVITÀ CON IL WELFARE AZIENDALE

Perche il Welfare Aziendale ?

Curare il benessere  dei propri collaboratori è, d'altra parte, sempre più spesso percepito anche dalle aziende come un fattore determinante per un business sano e in crescita: il welfare in azienda rappresenta oggi uno dei principali strumenti a disposizione del mondo HR per favorire la conciliazione lavoro-vita privata dei dipendenti, nonché un mezzo tramite il quale aumentarne il potere d'acquisto e, attraverso il miglioramento del clima sul posto di lavoro, favorire anche la diminuzione di turnover e assenteismo. L'emergenza pandemica scaturita dal Covid-19  con il suo carattere di straordinarietà e imprevedibilità, ha palesato le criticità e le difficoltà di un sistema sanitario che già da troppo tempo era stato depauperato delle necessarie risorse economico-finanziarie facendo emergere ancor di più quelle che sono le tutele assistenzialistiche dello Stato a favore delle imprese ; di certo ci ha resi più umani, ossia più consapevoli circa la nostrta vulnerabilità fisica e la poca propensione a pianificare o dedicare le necessarie risorse economiche per garantirci coperture assicurative utili ad affrontare con serenità gli imprevisti che la vita ci riserva. Come recitava uno dei cartellini degli imprevisti del Monopoli "uscite gratis dalla prigione" il Welfare Aziendale offre ai dipendenti l'opportunità di colmare il deficit di coperture sanitarie e competenze ricevendo "gratuitamente" prestazioni assicurative che l'imprenditore decide di offrire a se stesso oltre che al personale dipendente attraverso il pagamento di premi assicurativi che lo stesso dedurrà dal bilancio in base alla legislazione vigente.

Leggi anche >>> FRINGE BENEFITS: COSA SONO E COME CALCOLARE IL VALORE

Come posso predisporre un piano integrativo di Welfare per la mia azienda ?

È opportuno, prima d'intraprendere qualsiasi tipo di scelta o di attività a riguardo, fare un check con un professionista specializzato per avere in primis la consapevolezza dei rischi che si corrono e successivamente capire quali si possono annullare o ridurre in totale autonomia e quali trasferire agli istituti assicurativi che fungeranno in questo caso da leva finanziaria positiva in quanto sgraveranno l'azienda di responsabilità di cui ne potrebbe rispondere a livello patrimoniale e finanziario, e restituiranno a essa  una nuova solidità finanziaria.

Leggi anche >>> ASSICURAZIONE TEMPORANEA CASO MORTE: CHE COS’È E COME FUNZIONA

Quali vantaggi fiscali posso ottenere se decido di potenziare il mio Welfare aziendale ?

Le Leggi di Bilancio 2016, 2017 e 2018 hanno giocato un ruolo chiave nella definizione normativa in materia di welfare aziendale e benefici fiscali, ma il principale riferimento continua a essere il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR), all’interno dell’articolo 51 sono indicate le categorie di beni e servizi che possono essere erogate ai dipendenti, tra cui anche le prestazioni assicurative, senza che concorrano a formare il reddito del lavoratore dipendente e sono deducibili dal datore di lavoro ai fini Ires e Irap. In questo caso, l'azienda potrà godere della deducibilità al 100% per gli importi sostenuti previsti dalla soglia dei fringe benefit. Vale a dire 516,46 euro per ogni dipendente per il 2021(mentre la soglia come previsto dalla normativa è 258,23 euro).

Un'ulteriore considerazione deve essere svolta riguardo ai benefici fiscali della Key Man. Dal momento che l'azienda figura sia come contraente che come beneficiario, il capitale assicurato non può essere considerato come un benefit per il manager. L'azienda che decide di stipulare questo tipo di prodotto assicurativo ottiene altri, considerevoli, vantaggi, dal momento che i premi pagati all'assicurazione possono essere dedotti dal reddito d'impresa.

Leggi anche >>> OPPORTUNITÀ PER AZIENDE E LAVORATORI GRAZIE A WELFARE E FORMAZIONE

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • stefano-alessandro-di-benedetto-39-2021-07-20_10-33-55-foto-profilo-know-how.jpeg

    Sono un professionista in grado di offrire una consulenza in ambito assicurativo finanziario per garantire gli obiettivi di protezione reddituale, di previdenza complementare e di gestione patrimoniale. Il focus della mia attività è basato sull'offrire consapevolezza in termini di risk management tramite un processo di analisi finalizzato all'individuazione dei possibili rischi che possono compromettere la vita economica di un azienda o di una famiglia .