Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Surroga del mutuo: come funziona

Surroga del mutuo: come funziona

Surroga del mutuo: come funziona

Come trasferire il mutuo residuo ad un'altra banca, nel caso in cui non si sia più soddisfatti delle condizioni applicate dal proprio istituto di credito, attraverso lo strumento della surroga o portabilità del mutuo, senza nessun preavviso e senza costi aggiuntivi.



Qualora non si è più soddisfatti delle condizioni applicate al contratto di mutuo dalla propria banca, esiste la possibilità di cambiare istituto di credito per poter modificare durata e tasso.
Questa eventualità è rappresentata dalla cosiddetta "surroga" o "portabilità" del mutuo, prevista dall’articolo 1202 del Codice civile e resa operativa con la legge n. 40/2007, nota anche come Legge Bersani, e successivamente riportata nell’art. 120-quater del D.lgs. 385/1993 (Testo Unico Bancario).

Leggi anche >>> DETRAZIONE DEL MUTUO SU IMMOBILI LOCATI O DA RISTRUTTURARE

In cosa consiste la surroga?

La surroga del mutuo è l'istituto con il quale il mutuatario (colui che ha il debito con la banca) trasferisce il proprio mutuo ipotecario dall'istituto di credito originario (surrogato) ad una nuova banca (surrogante) senza il consenso preventivo della banca surrogata e soprattutto senza costi aggiuntivi: infatti, a differenza del mutuo ordinario, è la banca surrogante ad accollarsi gli oneri e le spese notarili.
La nuova banca concede un finanziamento pari alla somma residua del vecchio mutuo, potendo applicare una durata e un tasso diverso, più conveniente per il debitore.
Per quanto riguarda l'ipoteca sull'immobile, essa non viene cancellata, ma si annota a margine dell’iscrizione originaria il nuovo creditore (la banca surrogante).

Leggi anche >>> INTERESSI PASSIVI DI UN MUTUO: A CHI SPETTA LA DETRAZIONE?

Quali altre possibilità di cambiare mutuo esistono?

Ci sono altre possibilità per il debitore di modificare le condizioni contrattuali del proprio mutuo; è bene precisare che però non sono da confondere con la surroga, che risponde esclusivamente ai criteri e alle condizioni suindicate.
Una prima possibilità e quella di rinegoziare il mutuo, cioè chiedere alla propria banca di riformulare alcune condizioni quali la durata, la rata, il tasso, lo spread; la banca, nel timore di perdere il cliente, ha la facoltà di assecondare le richieste del cliente, ma non è assolutamente costretta.
Un'altra opportunità è quella della sostituzione del mutuo: in questo caso si estingue il mutuo originario, con conseguente cancellazione dell'ipoteca e con iscrizione di una nuova ipoteca a favore del nuovo istituto di credito. Questo tipo di operazione comporta l'esborso di tutte le spese di istruttoria per il nuovo mutuo e dei costi notarili per la stipula del nuovo atto.

Leggi anche >>> DETRAZIONE DEL MUTUO: COME SI CALCOLA?

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.