Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Detrazione del mutuo su immobili locati o da ristrutturare

Detrazione del mutuo su immobili locati o da ristrutturare

Detrazione del mutuo su immobili locati o da ristrutturare

Non è inusuale che si proceda all’acquisto di immobili che sono già locati e per i quali è in scadenza il contratto, oppure che necessitano di ristrutturazione. Cosa cambia, in questi casi, nella detrazione degli interessi sul mutuo accesso?



Se l’immobile oggetto dell’acquisto risulta ancora abitato da chi ha stipulato un contratto di affitto con il precedente proprietario, la legge stabilisce delle condizioni precise affinché si possa procedere con la detrazione degli interessi del mutuo accesso per l’acquisto del medesimo immobile. Le condizioni da rispettare sono due:

  1. Che entro 3 mesi dall’acquisto venga notificato l’atto di sfratto per terminata locazione;
  2. Che entro un anno dal rilascio dell’immobile questo sia adibito ad abitazione principale.

Il secondo punto desta particolare interesse in quanto normalmente la regola prevede che la residenza sia spostata entro un anno dal rogito, mentre in questo caso i 12 mesi si contano a partire dal momento in cui l’immobile risulta libero, quindi eventuali ritardi non vanno a compromettere la possibilità di essere dentro i 12 mesi richiesti dalla legge per poter procedere con la detrazione del mutuo.

Tale norma, in ogni caso, vale soltanto se si è rispettata l’indicazione precedente in merito ai tempi per la notifica dell’atto di cessata locazione.

Tale necessità di avviare il processo di notifica, vale anche qualora l’immobile sia acquistato a un’asta giudiziaria e risulti comunque locato.

Qualora l’immobile oggetto di acquisto necessiti di ristrutturazione, la legge stabilisce che la detrazione spetta nel momento in cui sono soddisfatte le seguenti due condizioni in merito ai tempi di destinazione ad abitazione principale:

  1. Entro un anno dalla fine dei lavori;
  2. Non oltre 2 anni dalla data di acquisto.

Vale ricordare che gli interessi iniziano a essere detraibile a partire dal momento in cui l’immobile viene adibito ad abitazione principale. Qualora la destinazione ad abitazione principale sia impedita da motivi imputabili al Comune, allora si potrà comunque usufruire della detrazione d’imposta anche se non è possibile rispettare il limite al punto 2.

Per determinare il rispetto dei tempi, sia nel caso di ristrutturazione che di locazione, la legge stabilisce la possibilità di utilizzare un autocertificazione oppure di fare riferimento ai registri anagrafici.

Qualora il mutuo sia stato accesso per pagare la ristrutturazione, allora la detrazione è possibile fin da subito.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.