Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Interessi passivi di un mutuo: a chi spetta la detrazione?

Interessi passivi di un mutuo: a chi spetta la detrazione?

Interessi passivi di un mutuo: a chi spetta la detrazione?

Portare in detrazione gli interessi passivi di un mutuo ipotecario, alimenta spesso tanti dubbi, visto che ci sono condizioni ben precise per poterne usufruire e non tutti sono sempre debitamente informati. Facciamo il punto sulla questione.



La detrazione spetta solo a chi acquista?

Questo è il primo aspetto da considerare, dal momento che la legge stabilisce che la detrazione degli interessi passivi del mutuo spetta soltanto a chi acquista l’immobile. Ciò implica che gli acquirenti devono sempre essere entrambi i coniugi, se si desidera portare in detrazione il 100% degli interessi.

Chi ha diritto alla detrazione?

Da quanto espresso poc’anzi si evince che ha diritto alla detrazione colui che risulta sia proprietario dell’immobile che intestatario del contratto di mutuo, anche se soltanto per una quota parziale.

Posso detrarre la parte di mutuo di mio marito?

Certo, questo è possibile dal 2001, quando si è stabilito che se due coniugi sono cointestatari di un mutuo ipotecario e dell’immobile acquistato e adibito ad abitazione principale, allora uno dei due può detrarre anche la quota dell’altro se questo è fiscalmente a carico.

Perché non posso detrarre la parte di interessi di mia moglie?

I motivi sono molteplici, oltre a quelli già evidenziati nelle risposte precedenti, potrebbe essere anche un problema temporale. Infatti la detrazione degli interessi del coniuge fiscalmente a carico non si applica per i mutui accesi prima del 1993.

Posso detrarre gli interessi di un mutuo acceso per mio figlio?

No, non è possibile in senso assoluto ma vi sono della situazioni che lo consentono. Ad esempio se un genitore accende un mutuo per costruire una nuova casa da adibire ad abitazione principale di un figlio, potrà detrarre gli interessi in quanto contraente e proprietario dell’immobile in cui vive un proprio famigliare anche se non fiscalmente a carico. Paradossalmente, se nella medesima situazione il mutuo viene acceso per acquistare un’immobile che viene intestato direttamente a un figlio, allora la detrazione non è possibile. Insomma, il vincolo della proprietà è fondamentale.

Fino a quando si è considerati famigliari?

Lo stabilisce l’articolo 5 del TIUR: sono famigliari il coniuge, i figli, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo.

Sono divorziata, mio marito è un famigliare?

Per quanto riguarda i divorzi vale precisare che anche nel caso di separazione legale, il coniuge separato è considerato famigliare fino a quando non interviene la sentenza di divorzio. Quando questo avviene, cessa anche il diritto alla detrazione della quota del coniuge, a meno che nell’abitazione ove risiedono non ci siano anche i propri figli.

Come usufruttuario posso detrarre gli interessi del mutuo?

No, assolutamente. L’usufruttuario non può mai detrarre gli interessi di un mutuo acceso dal nudo proprietario.

Il concetto di “dimora abituale” si applica anche alle forze dell’ordine?

No, per loro e per gli organi di polizia sia civile che militare, il concetto di dimora abituale non si applica, quindi vale sempre la detrazione per gli interessi del mutuo sull’abitazione principale anche se la dimora abituale è altrove. In questo caso però è necessario che l’immobile posseduto sia unico, ovvero che la persona non abbia in proprietà altri immobili.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.