Condividi su

Sport e Periferie: 500 mila euro per i no profit


"Sport e Periferie" è un fondo destinato ad interventi edilizi per gli impianti sportivi, volti al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti, con la finalità di rimuovere gli squilibri economico-sociali nelle periferie. Tra i beneficiari, le ASD no profit iscritte al CONI.

Pubblicato il bando Sport e Periferie 2018 per il finanziamento di investimenti tesi ad incentivare l'attività sportiva agonistica e la cultura dello sport nelle aree svantaggiate ed aree periferiche urbane italiane. I soggetti beneficiari di questa misura sono le pubbliche amministrazioni, le istruzioni scolastiche di ogni ordine e grado, anche comunali, e gli enti no profitincluse le associazioni sportive dilettantistiche senza scopo di lucro regolarmente iscritte al Registro del Coni. Ancora una volta vengono agevolate le manutenzioni e le ristrutturazioni degli impianti sportivi esistenti e promosse le attività nelle periferie delle città italiane.

Leggi anche > > > Nuovi campi di calcio, credito d'imposta per le ristrutturazioni

Sport e Periferie: quali interventi?

La misura, gestita dal Dipartimento per lo Sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, è dotata di risorse per 10 milioni di euro.  Il bando permette di finanziare i seguenti interventi:

  • Realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi con destinazione all'attività agonistica nazionale, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane;
  • Diffusione di attrezzature sportive con l'obiettivo di rimuovere gli squilibri economici e sociali esistenti;
  • Completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti da destinare all'attività agonistica nazionale e internazionale.

Sport e periferie: chi sono i beneficiari?

Possono presentare istanza di finanziamento:

  • le Pubbliche Amministrazioni;
  • le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado;
  • gli Enti no profit.

Tra i criteri preferenziali, la presentazione di progetti esecutivi cantierabili relativi a interventi da realizzare nei Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti. Il contributo pubblico erogabile, per ciascun intervento, non potrà essere superiore a 500 mila euro.

Sport e Periferie: presentazione delle domande

Le richieste di contributo devono pervenire entro le ore 12.00 del 17 dicembre 2018 con le seguenti modalità:

  • Allegato A1 (Domanda di partecipazione), ossia il file formato Excel da compilare obbligatoriamente in tutte le sue parti, in formato editabile e sottoscritto digitalmente e Allegato A2 (Dichiarazione sostitutiva) con allegata copia di un documento di identità in corso di validità del legale rappresentante del soggetto che presenta la domanda da inviare a mezzo PEC all'indirizzo progettisport@pec.governo.it;
  • CD contentente il progetto e il quadro economico, da spedire tramite raccomandata, corriere o consegnato a mano all'indirizzo: Presidenza del Consiglio dei Ministri - Segretariato Generale - Ufficio per lo Sport c/o Centro di Accettazione Postale, Via dell'Impresa, 89 - 00186 - Roma.

Modulistica

 

 

 

Le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) che non hanno il riconoscimento di ONLUS possono essere considerate Enti no profit e pertanto partecipare all'avviso?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

ristrutturazione, agevolazioni, noprofit, sport, incentivi
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Lavoratori disabili, bonus assunzioni

Lavoratori disabili, bonus assunzioni

di Know How
26 Mag 2019
Startup innovative: costituzione online

Startup innovative: costituzione online

di Know How
25 Mag 2019