Condividi su

Fondazione: cos'è e come costituirla


La fondazione è un ente costituito da un patrimonio preordinato al perseguimento di un determinato scopo, che non può avere fini di lucro. Ecco tutto ciò che c'è da sapere: cosa sono le fondazioni, come sono costituite, quali scopi devono perseguire e quali sono le agevolazioni fiscali previste.

La fondazione è un ente che viene creato dal fondatore, che può essere una persona fisica o giuridica, e che destina un proprio patrimonio per le finalità prefissate. La fondazione può nascere anche in seguito ad una disposizione testamentaria e sorgere quindi in seguito alla morte del fondatore che destinerà i suoi beni alla creazione del patrimonio della fondazione. La fondazione dunque è un'organizzazione stabile che possiede un patrimonio ma persegue uno scopo non economico.

Leggi anche > > > Diventare una ONLUS: requisiti, adempimenti e agevolazioni

La fondazione: come costituirla

La fondazione può essere costituita o mediante atto pubblico o, come già accennato, secondo disposizione testamentaria. Nell'atto costitutivo devono essere indicati:

  • il negozio di fondazione, cioè la manifesta volontà del fondatore nel creare l'ente giuridico;
  • l'atto di dotazione, ossia l'individuazione del patrimonio che verrà destinato per gli scopi che la fondazione dovrà perseguire.

Nell'atto costitutivo o nello statuto deve essere altresì indicato lo scopo, che deve perseguire fini di pubblica utilità. L'ordinamento vieta alle fondazioni, non essendo delle società, la distribuzione di utili.

Amministrazione e vigilanza della fondazione

Nelle fondazioni è previsto solo l'organo di amministrazione a cui spetta in via esclusiva l'esecuzione dell'atto di fondazione; l'organo deve rispettare le volontà del fondatore, seguire lo scopo per cui l'ente è stato creato e mantenere invariata la destinazione d'uso del patrimonio.
La fondazione non dispone di un organo di controllo degli amministratori; questo ruolo è affidato alla vigilanza da parte dell'autorità amministrativa che, in qualità di autorità governativa che all'origine ha dato riconoscimento alla fondazione, ne controlla l'attività dei suoi amministratori, provvede alla loro nomina e sostituzione, eventualmente scioglie l'organo di amministrazione e nomina un commissario straordinario.

Fiscalità e agevolazioni della fondazione

Per le fondazioni, tranne per quelle bancarie, la categoria tributaria più indicata è quella di ONLUS (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale). Le agevolazioni fiscali per le ONLUS si possono così riassumere:

  • i proventi derivanti dall'esercizio delle attività delle ONLUS, poiché non costituiscono esercizio di attività commerciale, non concorrono alla formazione del reddito imponibile;
  • di conseguenza è prevista l'esenzione totale dalle imposte dirette e indirette (IRES, IRAP, IVA, Registro) sull'attività istituzionale, mentre per l'eventuale possesso di altre tipologie di redditi le ONLUS sono soggetti passivi;
  • è prevista l'esenzione dell'imposta di bollo e dell'obbligo di emettere scontrino fiscale;
  • le erogazioni liberali effettuate dalle persone fisiche e/o giuridiche a favore delle ONLUS beneficiano di notevoli agevolazioni: le imprese, ad esempio, possono scegliere o la deducibilità fiscale, per le liberalità in denaro o in natura, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato (compresi i redditi da fabbricati assoggettati a cedolare secca) e fino ad un massimo di 70.000 euro l'anno, oppure la deduzione dal reddito imponibile IRES del 2% del reddito d'impresa dichiarato per un importo massimo di 30.000 euro;
  • gli enti locali hanno facoltà di esentare le ONLUS dai tributi locali;
  • le ONLUS possono beneficiare dei contributi derivanti dal 5x1000.

 

La natura non lucrativa di una fondazione può precludere una sua attività imprenditoriale?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

noprofit, agevolazioni, patrimonio, successione
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Cassa integrazione: cos'è e come funziona?

Cassa integrazione: cos'è e come funziona?

di Giovanni Guglielmo Crudeli
13 Mag 2019