Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Scuola e vaccinazioni: le novità normative

Scuola e vaccinazioni: le novità normative

Scuola e vaccinazioni: le novità normative

Con l'inizio del nuovo anno scolastico, torna vivo il dibattito sulle vaccinazioni obbligatorie: è possibile presentare un'autocertificazione e poi la documentazione entro il 10 marzo 2019. Resta il divieto d'ingresso negli asili per i bambini non vaccinati; sanzioni per chi non è in regola.



Con l'inizio del nuovo anno scolastico, torna vivo il dibattito sulle vaccinazioni obbligatorie: negli ultimi giorni ci sono state diverse evoluzioni in materia, come testimonia l'emendamento approvato al decreto Milleproroghe. Vediamo cosa prevede la disciplina sulle vaccinazioni obbligatorie e la scuola sulla base di quanto previsto dalla legge Lorenzin, dalla circolare Miur-Ministero della Salute e dall’emendamento al Milleproroghe.

Leggi anche >>> MEDICO DEL LAVORO: COSA FA E QUANDO È OBBLIGATORIO

I vaccini obbligatori: quali sono?

Ai bambini nati dal 2001 al 2016 devono essere effettuati tutti i vaccini presenti nel calendario vaccinale nazionale per ciascun anno di nascita.

Nello specifico:

  • Bambini nati tra il 2001 al 2004: devono effettuare, se non l'hanno già fatto, i 4 vaccini obbligatori per legge già dal 1999, ossia: anti-epatite B; anti-tetano; anti-poliomielite; anti-difterite + anti-morbillo, anti-parotite, anti-rosolia, l'anti-pertosse e l'anti-haemophilus influenzae tipo B.
  • Bambini nati dal 2005 al 2011: devono effettuare, oltre alle 4 vaccinazioni + anti-morbillo, anti-parotite, anti-rosolia, anti-pertosse e anti-haemophilus influenzae tipo B.
  • Bambini nati dal 2012 e il 2016: devono effettuare, oltre alle 4 vaccinazioni + anti-morbillo, anti-parotite, anti-rosolia, anti-pertosse e anti-haemophilus influenzae tipo B.
  • Bambini nati dal 2017, 2018  e 2019: devono effettuare, oltre alle 4 vaccinazioni anche anti-morbillo, anti-parotite, anti-rosolia, anti-pertosse, anti-haemophilus influenzae tipo B e anti-varicella.

Leggi anche >>> IL BIOTESTAMENTO: COSA PREVEDE LA LEGGE?

L'autocertificazione: come farla?

La circolare del Ministero della Salute ha modificato in parte quanto previsto dalla legge Lorenzin, introducendo la possibilità di presentare solamente l'autocertificazione e non anche la documentazione attestante l'avvenuta vaccinazione, l'esonero o il differimento o la copia della prenotazione del vaccino all'ASL.
L'emendamento al Milleproroghe, approvato alla Camera, rafforza quanto indicato nella suddetta circolare e indica il termine entro quando va presentata la documentazione attestante l'avvenuta vaccinazione, l'omisssione, il differimento o l'immunizzazione naturale: il termine ultimo per presentare la succitata documentazione è fissato al 10 marzo 2019.

Leggi anche >>> TESTAMENTO BIOLOGICO E PRIVACY, IL GARANTE HA DETTO SÌ

Divieti e sanzioni: cosa dice la legge?

Resta in vigore il divieto di ingresso negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia per i bambini (0-6 anni) non in regola con le vaccinazioni.
Per le famiglie degli alunni delle scuole elementari, medie e superiori (sino a 16  anni), non in regola con le vaccinazioni, sono previste sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro.

Leggi anche >>> SOMMINISTRAZIONE DEI VACCINI IN AZIENDA: COSA BISOGNA SAPERE

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.