Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Somministrazione dei vaccini in azienda: cosa bisogna sapere

Somministrazione dei vaccini in azienda: cosa bisogna sapere

Somministrazione dei vaccini in azienda: cosa bisogna sapere

Le regole sono state fissate lo scorso 6 Aprile tramite il protocollo firmato da Governo, Inail, Commissario straordinario e parti sociali. È stato definito un preciso protocollo a cui fare riferimento per il corretto svolgimento delle procedure di somministrazione.



A chi si rivolgono le regole?

A tutte le aziende e a tutti i lavoratori che, su base volontaria, vogliono procedere alla vaccinazione. Tra i lavoratori sono ricompresi non solo i dipendenti ma anche coloro che intrattengono con l’azienda un rapporto di collaborazione, gli autonomi e i lavoratori occasionali.

Dove può avvenire la somministrazione?

La somministrazione può avvenire in 3 modalità differenti:

  1. Direttamente in azienda;
  2. In una struttura sanitaria privata;
  3. In una struttura dell’INAIL.

L’azienda può obbligarmi a vaccinarmi?

No, l’azienda non può esercitare alcun obbligo in tal senso. La vaccinazione avviene sempre e comunque su base volontaria.

È necessario il permesso per vaccinarmi in azienda?

No, a prescindere dalla modalità con cui l’azienda decide si somministrare il vaccino, il tempo necessario alla vaccinazione viene sempre equiparato all’orario di lavoro, quindi non è necessario chiedere ore di permesso.

Posso coinvolgere un altro datore di lavoro?

Certo, i datori di lavoro possono collaborare mettendo a disposizione entrambe le strutture aziendali, a prescindere da quello che è il reale numero di lavoratori.

Chi ha il compito di informare i lavoratori?

L’informazione è a carico del medico competente, il quale deve appunto informare gli interessati sulle modalità e sui rischi connessi alla somministrazione del vaccino. Tra le sue competenze vi sono anche il triage e l’acquisizione del consenso informato.

Chi si occupa della somministrazione?

A prescindere dalla modalità scelta, la somministrazione avviene sempre per il tramite del personale sanitario.

È vero che esiste un protocollo da rispettare?

Sì, e va osservato anche in questo caso a prescindere dalla modalità di somministrazione prescelta.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.