Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Regime Forfettario 2018, requisiti e vantaggi per i professionisti

Regime Forfettario 2018, requisiti e vantaggi per i professionisti

Regime Forfettario 2018, requisiti e vantaggi per i professionisti

Molti professionisti si avvalgono del Regime Forfettario, una tassazione agevolata sui propri redditi che prevede molte semplificazioni contabili e pochi adempimenti fiscali. Ecco i requisiti per accedere al Regime Forfettario e perché potrebbe essere conveniente sceglierlo.



Tutti i professionisti che devono aprire la propria partita Iva hanno il dovere di scegliere quale regime fiscale adottare. La scelta ad oggi vede due possibilità: aprire una Partita Iva nel Regime Forfettario o nel Regime Ordinario. Questa scelta, infatti, influenzerà la burocrazia, gli adempimenti e la fiscalità del contribuente, ma ancor di più influenzerà in modo decisivo la tassazione; le due scelte, inoltre, prevedono costi di gestione differenti. Oggi vogliamo approfondire il Regime Forfettario per i professionisti.

Cos'è il Regime Forfettario?

Il Regime Forfettario è un regime di vantaggio introdotto nel 2014 e riservato alle Partite IVA che guadagnano fino a 15 mila euro lordi l'anno per i professionisti e 40 mila euro per i commercianti.
Dal 1 gennaio scorso, con l'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2018, è stato previsto l'aumento delle soglie dei ricavi fino a 30 mila euro per i professionisti e fino a 50 mila euro per tutte le medie e piccole imprese.
Il regime forfettario non prevede una scadenza legata ad un numero di anni di attività o al raggiungimento di una particolare età anagrafica, ma è subordinato solamente al possesso e al mantenimento dei requisiti prescritti dalla legge. In attesa di scoprire se e come cambierà il quadro normativo nel 2019, in vista della Flat Tax professionisti, analizziamo i requisiti per avvalersi del Regime Forfettario.

I requisiti del Regime Forfettario: quali sono?

Il Regime Forfettario è rivolto a tutte le persone fisiche che esercitano un'attività di impresa, quindi professionisti ma anche commercianti ed artigiani, che rispettino determinati requisiti e che non incorrano successivamente in una delle cause di esclusione. I requisiti sono:

  • non superare il limite di fatturato annuo (tra 25 mila e 50 mila euro) sulla base del proprio codice ateco;
  • non aver fatturato o aver ricevuto redditi da lavoro dipendente o assimilato (es. redditi da pensione) superiori a 30 mila euro lordi annui nell'anno precedente;
  • i costi per collaboratori o lavoratori dipendenti non possono superare i 5 mila euro in un anno;
  • non superare 20 mila euro lordi di costi per ammortamento di beni strumentali.

I vantaggi dell'avvalersi del Regime Forfettario sono legati ad una contabilità più snella e senza troppi adempimenti fiscali:

  • non ha IVA
  • non ha ritenuta d'acconto (il 100% viene incassato senza alcuna trattenuta);
  • ha tasse più basse (IRPEF 5% per i primi 5 anni, 15% dal sesto anno in poi);
  • semplificazioni contabili (esenzione dall'invio dichiarazione Iva trimestrale e annuale, invio studi di settore, spesometro, registrazione fatture).

Cause di esclusione dal Regime Forfettario: cosa dice la legge?

Non sono ammessi al Regime Forfettario i titolari di partita Iva nei seguenti casi:

  • coloro che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA;
  • soggetti residenti all'estero e che non producono almeno il 75% del reddito in Italia;
  • soggetti che effettuano attività di compravendita di terreni edificabili, fabbricati o veicoli nuovi;
  • soggetti che partecipano a società di persone, ad associazioni professionali o a società a responsabilità limitata aventi ristretta base proprietaria che hanno optato per la trasparenza fiscale;
  • coloro che nell'anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e/o assimilati di importo superiore a 30 mila euro.

Il regime forfettario cessa di avere efficacia a partire dall'anno successivo a quello in cui viene meno anche solo uno dei requisiti di accesso previsti dalla legge oppure si verifica una delle cause di esclusione.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.