Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / 5 domande sul regime ordinario

5 domande sul regime ordinario

5 domande sul regime ordinario

Tra i possibili regimi fiscali a cui accedere una volta aperta una partita IVA vi sono quelli agevolati. Purtroppo non tutti hanno i requisiti per poterlo fare e così l’unica alternativa resta quella del regime ordinario. Vediamo cosa comporta e quali sono le sue caratteristiche.



Quale contabilità con il regime ordinario?

In caso di regime ordinario, la contabilità potrà essere a sua volta ordinaria oppure semplificata, in base a determinate condizioni e/o requisiti:

  1. Se si tratta di una società di capitali, ovvero SRL/SPA/SAPA, queste sono obbligate al regime contabile ordinario, indipendentemente dal volume di ricavi;
  2. Per artigiani e professionisti la contabilità sarà semplificata, a prescindere dall’ammontare dei compensi;
  3. Per gli imprenditori, società di persone e enti non commerciali che rispettano determinati limiti di ricavi, la contabilità è semplificata altrimenti sarà ordinaria. Nello specifico tali limiti sono fissati a 400.000 euro per chi svolge un’attività di prestazioni di servizi, mentre è di 700.000 euro per tutte le altre attività.

Vale precisare che la contabilità ordinaria può essere applicata anche da parte di quelle imprese o soggetti che non ne hanno l’obbligo.

Quali sono gli elenchi da tenere in caso di contabilità semplificata?

Innanzitutto il Registro IVA Acquisti, dove riportare acquisti, salari, stipendi, assicurazioni, spese postali, etc. Poi il Registro IVA Vendite, dove oltre alle fatture di vendita si annoteranno anche interessi attivi bancari, plusvalenze, altri proventi estranei al regime IVA. Poi il Registro dei Corrispettivi e i Registri IVA da altre disposizioni di legge, qui ad esempio andranno gli omaggi, le merci, etc. Poi vi è il Registro dei beni ammortizzabili e il Registri obbligatori in tema di lavoro.

Quali registri sono obbligatori per la contabilità ordinaria?

In caso di contabilità ordinaria sono obbligatori i seguenti registri:

  1. I registri IVA;
  2. Il registro dei beni ammortizzabili;
  3. Il libro giornale;
  4. Il libro degli inventari;
  5. Il libro mastro.

La contabilità di magazzino è obbligatoria solo in determinate circostanze.

Quali sono le peculiarità del regime ordinario?

A prescindere dal tipo di contabilità scelta, se ordinaria o semplificata, il regime ordinario presenta comunque le seguenti caratteristiche:

  1. Non ha alcun limite temporale;
  2. È sempre utilizzabile come opzione;
  3. Spesometro;
  4. Black list;
  5. Imposte sul reddito;
  6. Irap;
  7. Iva;
  8. Studi di settore.

Quali sono le date per gli adempimenti?

Nel caso di contabilità ordinaria il 16 del mese successivo. Mentre nel caso di contabilità semplificata entro il 27 dicembre dell’anni in corso.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.