Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Reddito di Cittadinanza, arriva il Navigator

Reddito di Cittadinanza, arriva il Navigator

Reddito di Cittadinanza, arriva il Navigator

Con il Reddito di Cittadinanza arriva una nuova figura professionale, il Navigator: guiderà i beneficiari del Reddito di Cittadinanza nella ricerca di un lavoro. Prossimamente verrà pubblicato online l'avviso per le selezioni. La retribuzione sarà di circa 30 mila euro lordi l'anno.



Il Reddito di Cittadinanza si farà: il sito dedicato sarà pubblicato a febbraio, da marzo si potranno presentare le domande e da fine aprile verrà erogato. Ad averne diritto, tutti coloro che si trovano al di sotto della soglia di povertà assoluta, individuata dai dati ISTAT e fissata ad un reddito minimo di 780 euro mensili. Per mantenere il Reddito di Cittadinanza bisognerà avere un atteggiamento propositivo e proattivo nella ricerca del lavoro e nel seguire percorsi di formazione: per guidare i beneficiari del Reddito di Cittadinanza in questo percorso, arriva il Navigator. Vediamo chi è e che ruolo ha.

Leggi anche > > > Arriva il Reddito di Cittadinanza: ecco i beneficiari

Reddito di Cittadinanza, cosa fanno i Navigator?

Il Navigator è una nuova figura professionale: avranno il compito di indicare ai beneficiari della misura le opzioni da seguire per la loro formazione e per la ricerca del lavoro. I Navigator saranno assunti da Anpal Servizi Spa con un contratto di collaborazione di due anni e la loro retribuzione sarà intorno ai 30 mila euro lordi annui, circa 1.700 - 1.800 euro netti al mese. La selezione avverrà, in tempi brevi, non attraverso un concorso pubblico, ma per titoli e colloqui. Prossimamente verrà aperta un'apposita sezione sul sito dell'Agenzia nazionale per le politiche attive, con un avviso di 15 giorni per presentare le domande. I Navigator entreranno in campo all'incirca tra maggio e giugno. Ma, una volta assunti, avranno bisogno di un periodo di formazione di 6 - 8 mesi.

Leggi anche > > > Reddito di Cittadinanza: come richiederlo, regole e sanzioni

Reddito di Cittadinanza, i requisiti dei Navigator?

Per diventare Navigator è necessario possedere alcuni requisiti; il primo di questi è avere una laurea magistrale in:

  • economia;
  • giurisprudenza;
  • sociologia;
  • scienze politiche;
  • psicologia;
  • scienze della formazione.

Verranno valutate inoltre anche altre abilità o capacità maturate precedentemente. I Navigator dovranno avere una profonda conoscenza di tutti i benefici, gli incentivi e i sussidi di disoccupazione, con le relative differenze a livello regionale e territoriale; dovranno inoltre avere avere conoscenze tecniche e giuridiche precise, nonchè  saper valutare le competenze professionali di chi si presenta allo sportello del Centro per l'Impiego per orientarlo verso le offerte lavorative più idonee. L'obiettivo finale del Navigator è quello di far assumere il proprio assistito, in modo tale da garantirgli un futuro lavorativo, interrompendo così l'erogazione del Reddito di Cittadinanza.

Leggi anche >>> REDDITO DI CITTADINANZA E NASPI: SONO COMPATIBILI OPPURE NO?

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.