Condividi su

Materiali da costruzione, variazioni inferiori al 10%


Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha rilevato come ogni anno, tramite il Decreto "Caro Materiali", le variazioni percentuali dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi: nel 2017 rispetto al 2016 non ci sono state variazioni superiori o inferiori al 10%.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 2018 il Decreto del Mit (Ministero dei Trasporti e delle infrastrutture) del 7 marzo 2018 recante la "Rilevazione dei prezzi medi per l'anno 2016 e delle variazioni percentuali annuali, in aumento o in diminuzione, superiori al dieci per cento, relative all'anno 2017, ai fini della determinazione delle compensazioni dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi."
Questo è uno degli ultimi provvedimenti del Ministero, durante l'ultima legislatura, immediatamente successivo al Decreto del 2 marzo 2018, contenente il glossario delle opere di edilizia libera.

Il Decreto "Caro Materiali"

Ai sensi degli artt. 133 e 253 del D.lgs n. 163/2006, ogni anno il Ministero è tenuto ad emanare un proprio Decreto in cui rileva le variazioni percentuali dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi, come ad esempio rame, acciaio, ferro, bitume: il decreto del 27 marzo 2018 ha rilevato che il prezzo di questi materiali, nell'anno 2017 rispetto al 2016, non ha subito variazioni percentuali di prezzo superiori o inferiori al 10%.

La norma prevede che, qualora il prezzo dei singoli materiali da costruzione subisca variazioni, in aumento o in diminuzione, superiori al 10%, si procede a compensazioni, in aumento o in diminuzione, per la percentuale eccedente il 10% e nel limite delle risorse previste tra imprevisti e le somme relative al ribasso d'asta.
La compensazione è determinata applicando la percentuale di variazione che eccede del 10% il prezzo dei singoli materiali da costruzione, impiegati nelle lavorazioni contabilizzate nell'anno solare precedente al decreto, nelle quantità accertate dal direttore dei lavori.
 

Che succede in caso di variazioni di prezzo superiori al 10% dei singoli materiali da costruzione, impiegati nelle lavorazioni contabilizzate nell'anno solare precedente al decreto?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

costruzioni, impresa, immobiliare, immobili
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Sport Bonus 2019: tutti i dettagli

Sport Bonus 2019: tutti i dettagli

di Know How
12 Apr 2019
Vendere casa: e le detrazioni fiscali?

Vendere casa: e le detrazioni fiscali?

di Know How
07 Apr 2019