-->

Il Bonus acqua 2018: tutti i requisiti

di Know How

in REDDITO
Tempo di lettura: 2 min

Dal 1 luglio è possibile richiedere il Bonus acqua 2018: si tratta di un'agevolazione per le famiglie numerose o con un reddito basso. I requisiti per usufruirne possono variare a seconda della Regione di residenza, poichè il Bonus acqua dipende dall'Autorità idrica regionale.

Condividi su

Risparmiare sull'acqua si può: le bollette da pagare sono sempre molte e gestire il budget familiare non è semplice. Tuttavia, le famiglie dal reddito basso possono usufruire di molte agevolazioni che riguardano le utenze del gas, della luce e dell'acqua. Infatti, oltre al Bonus Elettrico e al Bonus Gas, di cui abbiamo già parlato, esiste anche il Bonus idrico 2018 detto anche Bonus acqua.

Che cos'è il bonus acqua?

Il Bonus acqua 2018 consiste nella possibilità di garantire, alle famiglie a basso reddito e alle famiglie numerose, un risparmio sulla spesa per la bolletta idrica. Differentemente da luce e gas, il Bonus acqua è regolato a livello regionale. Poichè, dunque, il bonus acqua dipende dal gestore idrico locale, che fa capo all'Autorità idrica regionale, i requisiti potrebbero essere diversi a seconda della Regione di residenza.

Quali sono i requisiti?

I requisiti per ottenere il Bonus acqua in tutte le Regioni italiane tranne che in Lazio, Toscana, Piemonte ed Umbria sono:

  • avere la residenza nel comune in cui si chiede il bonus;
  • appartenere ad un nucleo familiare con ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
  • appartenere ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro;
  • la casa per cui si chiede il bonus non deve far parte delle categorie catastali A1 casa signorile, A/7 villino e A/9 castelli o palazzi di prestigio.

Per quanto riguarda le altre Regioni, i requisiti sono:

  • Bonus Acqua Lazio 2018: famiglia con reddito fino a 13.651,25 euro, famiglia con più di 4 componenti fino a 15.659,26 euro, famiglia con più di 5 componenti fino a 17.746,42 euro.
  • Bonus Acqua Toscana 2018: famiglia con ISEE non superiore a 10.935,57 euro, famiglia con 5 o più componenti con ISEE non superiore a 13.640,92 euro, famiglia in cui un componente, per via di specifiche patologie documentabili, abbia il bisogno di utilizzare grosse quantità di acqua;
  • Bonus Acqua Piemonte 2018: famiglia con ISEE non superiore a 12.000 euro, con sconto di 30 euro all'anno per le famiglie fino a 3 persone e di 45 euro per le famiglie più numerose;
  • Bonus Acqua Umbria 2018: famiglia con ISEE non superiore a 9.500,00 euro e un'utenza singola ad uso domestico-residente, con sconto pari a 19,45 euro per ogni componente.

Dove si presenta la domanda?

È possibile presentare la domanda per il Bonus acqua già dal 1 luglio, in forma di autocertificazione, presso il proprio Comune di residenza o presso un CAF.
A coloro che usufruiscono di un Bonus elettrico e/o gas richiesto o rinnovato nel 2018 in modo congiunto (una sola domanda presentata contemporaneamente per il bonus elettrico e gas) o disgiunto (due domande presentate in tempi diversi), verrà riconosciuto un periodo di agevolazione per il bonus idrico allineato al periodo di agevolazione del Bonus elettrico e/o gas. Quindi:

  • se la domanda per il Bonus Elettrico e il Bonus Gas é stata presentata congiuntamente, il periodo di agevolazione del Bonus idrico sarà ricondotto a quello dei Bonus elettrico e gas;
  • se le domande di Bonus elettrico e gas sono state presentate in momenti diversi nel corso del 2018 il periodo di decorrenza del Bonus idrico sarà allineato solo a uno dei due bonus già presentati, ed in particolare al più recente.

Modulistica

 

 

Tag

redditofamigliabonusagevolazioni

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..

Bonus bebè 2019: occhio alla scadenza!

di Know How
12 giugno 2019    0
famiglia, bonus, inps, reddito


Oggi parlo di REDDITO