Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Bonus Acqua Potabile: incentivi fino a 5000 euro

Bonus Acqua Potabile: incentivi fino a 5000 euro

Bonus Acqua Potabile: incentivi fino a 5000 euro

La qualità dell’acqua è una tema che tutti dovremmo prendere più seriamente, del resto è un elemento essenziale per la vita di ognuno e la buona qualità di quella che arriva nelle nostre case non è sempre garantita.



Tutto questo genera un secondo problema: il desiderio di bere acqua potabile priva di elementi inquinanti e microrganismi non desiderati ha permesso un incremento senza precedenti nell’acquisto di acqua minerale confezionata nelle tradizionali bottiglie di plastica. I danni per l’ambiente, enormi e visibili già da ora, sono incalcolabili. Con tutto quello che ne consegue per la nostra salute.

In sostanza, l’utilizzo di acqua in bottiglie di plastica non fa altro che spostare il problema per la nostra salute da un fattore a un altro. E abbiamo sorvolato su questioni quali la qualità di un’acqua conservata per settimane e mesi dentro contenitori sottoposti a ogni forma di intemperia.

Allora il Bonus Acqua Potabile può offrire una valida opportunità di migliorare la modalità di approvvigionamento di acqua potabile di ciascuna famiglia italiana, grazie a un contributo economico abbastanza corposo.

Leggi anche >>> EFFICIENZA ENERGETICA: L'ITALIA VERSO IL 2020

In cosa consiste l’incentivo Bonus Acqua Potabile?

Si tratta di un credito d’imposta pari al 50% della somma spesa tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022.

Quali spese copre l’incentivo Bonus Acqua Potabile?

Tutte le spese sostenute nell’arco di tempo di cui sopra, per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare all’interno di un sistema idrico domestico oppure legato ad attività d’impresa.

La mia azienda può accedere al Bonus Acqua Potabile?

Certo, il bonus si rivolge non solo ai privati ma anche a coloro che sono titolari di un immobile adibito ad attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e per tutti gli enti non commerciali.

Leggi anche >>> BONUS ENERGIA 2021: SCONTO IN FATTURA PER ELETTRICITÀ, LUCE E GAS

Qual è l’importo dell’incentivo per l’acqua potabile?

Sono previsti due massimali, a seconda che si tratti di privato o di impresa/ente:

  1. Per i privati il massimo ottenibile è pari a euro 1000;
  2. Per le imprese e gli enti non commerciali il massimo è pari a euro 5000.

A chi bisogna trasmettere le informazioni?

Direttamente all’ENEA, l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Come si richiede il Bonus Acqua Potabile?

Premesso che il Bonus viene utilizzato in compensazione tramite modello F24, per le imprese, oppure tramite dichiarazione dei redditi per le persone fisiche, sia nell’anno della spesa che negli anni successivi fino a completo esaurimento del credito. Premesso ciò, la spesa dev’essere documentata tramite apposito modello ma facendo attenzione a eseguire il pagamento con metodi tracciabili e riportando in fattura il codice fiscale di chi acquista, se trattasi di privato cittadino. Per la compilazione dei documenti necessari è possibile fare riferimento a questo vademecum in pdf.

Leggi anche >>> COME RISPARMIARE NEI CONTRATTI DI CASA: ENERGIA ELETTRICA E GAS

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.