-->

Finanziamenti per la sicurezza sul lavoro: il click day

di Know How

in AZIENDA
Tempo di lettura: 2 min

Parte la seconda fase del bando ISI 2018 con il quale l'INAIL concede finanziamenti a fondo perduto a quelle imprese, in possesso dei requisiti, che investono in sicurezza sul lavoro. Dal 6 giugno è possibile procedere con l'inoltro online delle domande.

Condividi su

Sono terminate le operazioni di compilazione e salvataggio delle domande, possibili fino al 30 maggio, per l’accesso ai finanziamenti relativi al bando ISI INAIL 2018: dal 6 giugno 2019 le imprese che hanno raggiunto, o superato, la soglia minima di ammissibilità e salvato definitivamente la propria domanda, potranno accedere alla procedura informatica ed effettuare il download del codice identificativo necessario per procedere con l'inoltro online della domanda. 

Leggi anche > > > Regione Abruzzo: contributi a fondo perduto per le imprese turistiche

Bando ISI INAIL: che cos'è?

Il Bando ISI INAIL è un'iniziativa che prevede dei finanziamenti a fondo perduto, erogati dall'Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro, alle imprese iscritte alla Camera di Commercio. Finalità di questa misura è quella di:

  • incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento delle condizioni di salute e della sicurezza sul lavoro;
  • incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore agricolo per l'acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti e ridurre il rischio di infortuni.

Leggi anche > > > Aiuti alle PMI: investimenti agevolati fino a 2 milioni

Agevolazioni a fondo perduto: quali finanziamenti?

Alle imprese in possesso dei requisiti spettano finanziamenti a fondo perduto per la copertura del 65% dei costi di intervento finalizzati al miglioramento della sicurezza sul lavoro; la spesa ammissibile va da un minimo di 5 mila euro fino a un tetto massimo di 130 mila euro. Il bando ISI INAIL si articola in 5 assi di intervento:

  • Progetti di investimento, e progetti di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Realizzazione di progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi;
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Incentivi per i settori della pesca e del tessile, abbigliamento, pelle e calzature;
  • Misure per imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Leggi anche > > > Startup innovative: costituzione online

6 giugno 2019: il click day

La presentazione delle domande di accesso ai finanziamenti a fondo perduto, come per i bandi precedenti, è avvenuta in modalità telematica ed è scaduta alle ore 18 del 30 maggio 2019. Lo step successivo è rappresentato dal "click day": a partire dal 6 giugno le imprese che sono state ammesse possono utilizzare la procedura informatica per ottenere il codice identificativo utile all'inoltro della domanda di concessione delle agevolazioni previste dal bando ISI 2018. Ricordiamo che destinatari degli incentivi a fondo perduto sono:

  • imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
  • enti del terzo settore, anche non iscritti al registro delle imprese ma censiti negli albi e registri nazionali, regionali e delle Province autonome.

Sei un professionista e vuoi scrivere un articolo come questo? I contenuti pubblicati sul blog rappresentano uno dei tanti servizi messi a disposizione dei professionisti. Vuoi saperne di più? Visita Know How per maggiori informazioni.

Tag

sicurezzalavoroimpresaagevolazioniincentivi

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter

Potrebbe interessarti anche..

Sicurezza sul lavoro: incentivi a fondo perduto

di Luca Domenico Chiacchiari
16 marzo 2019    0
sicurezza, lavoro, impresa, agevolazioni, incentivi


Oggi parlo di AZIENDA