-->

Fatturazione elettronica 2019, chi è esonerato?

di Alessandro Molinari

in AZIENDA
Chatta su Know How
Tempo di lettura: 2 min

Dal 1 gennaio 2019 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria per tutti i soggetti IVA; esclusi dall'obbligo i regimi forfettari, i regimi di vantaggio, le ASD e i regimi speciali degli agricoltori. Questi soggetti saranno esclusi del tutto o verranno coinvolti comunque dal nuovo sistema?

Condividi su

La legge di bilancio 2018 ha disposto l'introduzione della fattura elettronica obbligatoria nelle operazioni tra privati (B2C) e tra operatori economici (B2B) a decorrere in generale dal 1 gennaio 2019 (per alcuni casi c'è stata la decorrenza anticipata dell'obbligo al 1 luglio 2018). In generale l'obbligo della fatturazione elettronica riguarda tutti quei contribuenti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello stato a partire dal 1 gennaio 2019.

Leggi anche > > > Fatturazione elettronica 2019, per chi è obbligatoria?

Cos'è la fatturazione elettronica?

Per fatturazione elettronica non si intende una fattura scansionata e in generale in formato PDF inviata via email, bensì la fattura avrà un formato particolare che si chiamerà XML (eXstensible Markup Language), che sarà unico per tutti e che dovrà essere veicolata attraverso il sistema di interscambio (SDI), sia per le fatture emesse verso gli altri operatori economici che verso i privati.
Lo SDI (sistema di interscambio dell'Agenzia delle Entrate), una volta ricevuta tale fattura, la "smisterà" al cliente, individuato tramite un codice univoco, che generalmente viene assegnato da un provider integrato con lo SDI, o un indirizzo PEC.

Fatturazione elettronica: i soggetti esclusi

Ci sono tuttavia dei contribuenti che sono stati esclusi da questa regola generale. Tali contribuenti sono:

  • i produttori agricoli di cui all'art.34 comma 6, del Dpr n° 633 del 1972;
  • le ASD (associazioni sportive dilettantistiche) con ricavi fino a 65 mila euro annui;
  • i contribuenti nel regime di vantaggio di cui all'art.27 del DL 98/2011;
  • i contribuenti nel regime forfettario di cui all'art.1, co. 54-89 della Legge 190/2014 (è noto come la legge di bilancio 2019 ha ampliato il tetto massimo di fatturato per tali contribuenti portandolo a 65 mila euro);
  • medici e farmacisti che hanno già l'obbligo di trasmettere i dati al sistema TS (Tessera Sanitaria).

Fatturazione elettronica: emissione no, ricezione sì

Queste categorie di contribuenti, quindi, sembrerebbero esentate da tale disposizione, cioè esclusi dalla fatturazione elettronica. In realtà saranno sì esentati da tale disposizione, ma solo per quanto riguarda le fatture emesse, in quanto le fatture d'acquisto potranno essere recepite solo attraverso il formato elettronico. Nel caso dei contribuenti in regime forfettario, sicuramente il caso più diffuso, si verranno a creare due tipologie di situazioni:

  • soggetto forfettario, che emette fatture nei confronti di un suo cliente che opera con regime forfettario;
  • soggetto non forfettario (regime ordinario o semplificato), che fattura a un suo cliente con regime forfettario.

Nel primo caso, nessuna delle due parti è obbligata a adempiere all'obbligo della fatturazione elettronica: di conseguenza, si continuerà ad adottare il "cartaceo" per la fatturazione.
Nel secondo caso, invece, il soggetto che emette fattura non si trova in regime forfettario: sarà quindi obbligato a emettere fattura in formato elettronico al suo cliente, anche se quest'ultimo non ha l'obbligo della fatturazione elettronica; in questo caso specifico sarà però costretto a ricevere tale fattura in formato elettronico.
In conclusione, si può affermare che la quasi totalità dei contribuenti sia interessata in maniera diretta o indiretta da questa nuova disposizione normativa, quindi si invitano tutti gli operatori ad organizzarsi per tempo in modo da non risultare impreparati al debutto "formale" della fatturazione elettronica.

 

 

Tag

agenziadelleentratepartitaivafatturazioneelettronicaimpresa

di Alessandro Molinari
Dottore Commercialista

Maria Baldassarre

Alessandro Molinari, Dottore Commercialista in provincia di Frosinone, laureato con tesi in Diritto Tributario, svolge consulenza fiscale e societarie per imprese, ditte e professionisti. Collabora in attività di revisione legale per Enti Pubblici dal 2014 e si occupa prevalentemente di assistenza fiscale/civilistica alle pmi.


www.knowhow.it

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di AZIENDA