Condividi su

Comunicazione Enea: rinviata al 1 aprile 2019


La Comunicazione ENEA è un adempimento obbligatorio per coloro che vogliono usufruire delle detrazioni previste dall'Ecobonus: la prima scadenza, per i lavori ultimati prima del 21 novembre 2018 che inizialmente era prevista per il 20 febbraio 2019, è stata rinviata al 1 aprile 2019.

La Comunicazione ad Enea per i lavori di ristrutturazione in casa è obbligatoria e operativa già da settembre 2018: l'obbligo di comunicazione è stato previsto dalla Legge di Bilancio 2018, con l'obiettivo di migliorare la capacità di misurazione dell'impatto energetico sui lavori in casa. Solo dal 21 novembre 2018, però, è stato messo a punto il nuovo sito da parte dell'ENEA per poter mappare tali interventi tramite la compilazione di un portale online: in vista della prima scadenza, fissata al 19 febbraio 2019, il portale è andato in tilt. Per questo motivo la nuova scadenza è stata rinviata al 1 aprile 2019.

Leggi anche > > > Comunicazione Enea: obbligatoria per le ristrutturazioni

Comunicazione ENEA: che cos'è?

La Comunicazione ENEA è una delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018tale adempimento è obbligatorio per tutti gli interventi edilizi che fruiscono della detrazione per ristrutturazione edilizia che comportano un risparmio energetico conclusi a partire dal 1 gennaio 2018, entro 90 giorni dall’ultimazione dei lavori (che può anche non corrispondere con la data di pagamento a saldo dell'ultima fattura dell’impresa incaricata); per i lavori ultimati prima del 21 novembre 2018 (data in cui è stato messo a punto il nuovo portale ENEA) la nuova scadenza per la presentazione della domanda è stata rinviata al 1 aprile 2019.

Leggi anche > > > Amianto o eternit, come smaltirlo?

Comunicazione ENEA: quando è obbligatoria?

 Gli interventi sui quali vige l'obbligo della Comunicazione ENEA per poter usufruire delle detrazioni fiscali sono:

  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali, delle coperture e dei solai tramite l'isolamento;
  • riduzione della trasmittanza degli infissi;
  • installazione di pannelli solari, caldaie a condensazione, pompe di calore, caldaie o stufe e camini a biomassa, sistemi di regolazione (ad es. valvole termostatiche);
  • installazione di impianti fotovoltaici;
  • installazione di forni, frigoriferi, lavastoviglie, lavasciuga e lavatrici in classe energetica A+ (A per i forni) se collegati ad opere di manutenzione straordinaria.

Leggi anche > > > Permesso di costruire: cos'è, quando serve e quando decade

Comunicazione Enea: la nuova pratica

Per inoltrare la nuova pratica all'ENEAè necessario registrarsi sull'apposito portale web; una volta inserite le proprie credenziali, è possibile accedere nella propria Area Personale da cui inoltrare la pratica. L'obbligo della Comunicazione ENEA non è gravato da alcuna sanzione: tuttavia, come detto prima, dovrà essere effettuata obbligatoriamente dal contribuente o dall'intermediario incaricato, entro 90 giorni dalla fine dei lavori e del collaudo; inoltre la Comunicazione ENEA è un adempimento imprescindibile se s'intende fruire delle agevolazioni del Bonus ristrutturazione 2018.

Per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale è possibile utilizzare generatori di calore ad alto rendimento diversi dalle caldaie a condensazione? E quali sono i documenti da trasmettere ad ENEA?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

bonus, ristrutturazione, agevolazioni, detrazione, leggedibilancio2018
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Sport Bonus 2019: tutti i dettagli

Sport Bonus 2019: tutti i dettagli

di Know How
12 Apr 2019
Vendere casa: e le detrazioni fiscali?

Vendere casa: e le detrazioni fiscali?

di Know How
07 Apr 2019