-->

Canone RAI: addebito sulla pensione

di Know How

in REDDITO
Tempo di lettura: 1 min

Il canone RAI, ormai da due anni, viene addebitato sulla bolletta dell'energia elettrica. Esiste però l'alternativa, riservata ai pensionati con un reddito inferiore a 18.000 euro, di poterlo rateizzare in 11 mensilità senza interessi e con addebito direttamente sulla pensione.

Condividi su

A partire dal 1 gennaio 2016, secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016, il canone RAI viene addebitato in fattura, con cadenza bimestrale, ai titolari delle utenze di energia elettrica. Deve essere pagato una sola volta all'anno, a prescindere dal numero di apparecchi presenti all'interno dell'abitazione. Per coloro che, sebbene tenuti al pagamento, non sono intestatari di un'utenza di energia elettrica o pur avendola, non è  possibile, per qualsiasi motivo, addebitare l'importo dell'abbonamento tv in fattura, il pagamento deve avvenire tramite Mod. F24.

L'addebito sulla pensione

Esiste però un'alternativa per i titolari di una prestazione pensionistica o assistenziale dell'INPS, intestatari dell'abbonamento RAI, con un reddito di pensione, nell'anno precedente a quello di presentazione della domanda, inferiore a 18.000 euro
Vi è la possibilità, infatti, di rateizzare il pagamento del canone RAI in 11 mensilità, senza interessi; la domanda può essere presentata all'INPS entro il 15 novembre dell'anno precedente a quello del pagamento del canone RAI. Le trattenute di pagamento avvengono direttamente sulla pensione a partire dal gennaio successivo alla presentazione della domanda.

Casi di esenzione

In alcuni casi, è bene ricordarlo, è prevista l'esenzione dal pagamento del canone RAI. Non devono pagare l'abbonamento TV coloro che:

  • non posseggono in casa apparecchi televisivi: in questo caso occorre inviare il modulo esenzione canone Rai;
  • hanno compiuto 75 anni ed hanno un reddito inferiore a 8.000 euro possono inviare l'apposito modulo esenzione over 75;
  • sono militari o diplomatici stranieri.

Come presentare la domanda per l'addebito sulla pensione

La domanda può essere presentata online, accedendo al sito www.inps.it tramite il PIN e il Codice Fiscale; in alternativa, si possono contattare i numeri dedicati 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile.
Altrimenti, ci si può rivolgere ad enti di patronato e intermediari dell'INPS, avvalendosi dei servizi telematici offerti dagli stessi.

 

 

Tag

pensioneinpsconsumatorifamiglia

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..

APE sociale 2019: riapertura dei termini

di Know How
15 febbraio 2019    0
inps, pensione, famiglia, lavoro


Oggi parlo di REDDITO