-->

Bonus bebè 2019: occhio alla scadenza!

di Know How

in FAMIGLIA
Tempo di lettura: 2 min

Attenzione alla scadenza per presentare la domanda per il Bonus bebè, l'agevolazione destinata alle famiglie dei nuovi nati con ISEE fino a 25 mila euro: entro il 13 giugno va presentata la domanda all'Inps per non perdere le mensilità arretrate. Ecco tutti i dettagli.

Condividi su

L'INPS avvisa: per poter beneficiare dell'assegno per i figli nati o adottati tra il 1 gennaio e il 15 marzo di quest'anno, la domanda per il Bonus bebè va presentata entro il 13 giugno. In questa data, infatti, scadono i 90 giorni di tempo per usufruire dell'intero beneficio. Per le domande presentate dopo il 13 giugno, il Bonus bebè decorrerà dalla data di presentazione della domanda. Ma che cos'è il Bonus bebè e come fare per ottenerlo?

Leggi anche > > > Bonus mamma 2019: tutti i requisiti

Bonus bebè 2019: di che si tratta?

Il Bonus bebè, più propriamente detto "assegno di natalità", è una forma di sostegno riconosciuta dall'INPS alle famiglie dal reddito basso che hanno da poco avuto un figlio (o che lo hanno adottato o avuto in affidamento preadottivo); la domanda per ottenere l'assegno di natalità previsto dal Bonus Bebè 2019 può essere presentata da coloro che abbiano:

  • cittadinanza italiana, di uno Stato dell'Unione europea o con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo; oppure posseggano la carta di soggiorno per familiare di cittadino dell'Unione europea (italiano o comunitario) non avente la cittadinanza di uno Stato membro;
  • lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria;
  • la residenza in Italia;
  • convivenza con il figlio (figlio e genitore devono essere coabitanti e avere dimora abituale nello stesso comune);
  • ISEE del nucleo familiare suddiviso in due fasce: fino a 7 mila euro e tra i 7 mila e fino a 25 mila euro.

Leggi anche > > > Bonus asilo nido e supporto domiciliare, tutti i dettagli

Bonus bebè 2019: a quanto ammonta?

Il valore dell'assegno di natalità erogato dall'INPS dipende dall'ISEE del nucleo familiare in cui vive il minore per il quale si richiede il contributo; come già accennato vengono prese in considerazione due fasce di reddito:

  • con ISEE inferiore a 7 mila euro, il valore dell'assegno è di 1.920 euro (160 euro al mese);
  • con ISEE compreso tra 7 mila e 25 mila euro, il valore è di 960 euro (80 euro al mese).

Nel 2019 cambia poco rispetto al 2018: l'assegno di natalità rimane fissato tra gli 80 e i 160 euro per ogni nuovo bambino nato e la durata del bonus rimane fissa a 12 mesi: la novità è invece rappresentata da un aumento del 20 per cento sull'assegno di natalità a partire dal secondo figlio.

Leggi anche > > > Assegno terzo figlio 2019: bonus per famiglie numerose

Bonus bebè 2019: come presentare la domanda?

La domanda per usufruire del Bonus bebè 2019 deve essere presentata all'INPS entro 90 giorni dalla nascita oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare, a seguito dell'adozione o dell'affidamento preadottivo. È possibile presentare la domanda:

  • inviando la domanda online, tramite il sito dell'INPS, se in possesso del PIN dispositivo rilasciato dall'istituto;
  • telefonando al numero del contact center dell'INPS;
  • tramite un ente di Patronato.

Nel momento in cui viene inviata la domanda è necessario allegare il modello SR/163 al fine di comunicare il codice iban per la ricezione dei pagamenti delle prestazioni a sostegno del reddito. Accolta la domanda, l'assegno di natalità viene poi accreditato mensilmente dall'INPS direttamente al richiedente tramite bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN intestati al richiedente.

Tag

famigliabonusinpsreddito

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche..



Oggi parlo di FAMIGLIA