-->

Sport e accoglienza: contributi dall'Unione Europea

di Luca Domenico Chiacchiari

in ASSOCIAZIONI
Chatta su Know How
Tempo di lettura: 2 min

Lo sport come mezzo di integrazione ed inclusione: questo è l'obiettivo della Commissione Europea che ha stanziato dei fondi per finanziare dei progetti volti a valorizzare lo sport come condivisione e integrazione sociale per chi è dovuto scappare dal proprio paese per salvarsi la vita.

Condividi su

Rifugiati e richiedenti asilo: una questione delicata, spesso al centro del dibattito politico e dell'opinione pubblica. Qui non ci interessa entrare nel merito di certe questioni ma di segnalare un'iniziativa della Commissione Europea: è stato aperto un bando che ha l'obiettivo di valorizzare lo sport come strumento di integrazione e inclusione sociale dei rifugiati all'interno di una strategia a livello europeo, che accresca la capacità delle comunità di accoglienza di attivarsi e integrare con successo i rifugiati attraverso lo sport. Il bando è articolato in 2 lotti, vediamo quali sono.

Leggi anche > > > ASD e SSD: sgravi fiscali per chi sostiene lo sport

Lotto 1 - attività sportive per l'integrazione e l'inclusione dei rifugiati

Questo lotto, che intende sostenere 9 progetti, è finalizzato all'organizzazione di attività di tipo sportivo che abbiano come scopo l'integrazione e l'inclusione sociale dei rifugiati. In particolare, possono essere finanziate:

  • le attività sportive volte a incoraggiare la partecipazione dei rifugiati nelle società dell'Unione Europea;
  • la preparazione e la formazione degli allenatori e del personale sportivo che lavoreranno per l'integrazione e l'inclusione sociale dei rifugiati attraverso lo sport;
  • lo sviluppo di attività e l'individuazione di buone pratiche in materia di partecipazione dei rifugiati ad attività sportive volte alla loro integrazione nelle società di accoglienza.

Leggi anche > > > ASD e SSD: soci o tesserati, facciamo chiarezza

Lotto 2 - collaborazione in rete e diffusione

Questo secondo lotto intende sostenere 1 progetto.  Possono essere finanziate le seguenti attività:

  • creazione di una rete europea per valorizzare i risultati dei progetti selezionati nell'ambito del lotto 1 e per mantenere legami tra tali progetti, con l'obiettivo di selezionare e diffondere buone pratiche;
  • progettazione e sviluppo di reti a livello dell'Unione Europea tra organizzazioni impegnate a favore dell'integrazione dei rifugiati attraverso lo sport;
  • organizzazione di workshop, seminari e conferenze volti a rendere accessibili informazioni, competenze e opportunità di collaborazione in materia di integrazione dei rifugiati nelle società dell'Unione Europea attraverso lo sport.

La sovvenzione da parte dell'Unione Europea può coprire fino al 80% dei costi totali ammissibili del progetto ed è compresa tra:

  • 200 mila e 300 mila euro per i progetti del lotto 1;
  • 400 mila e 600 mila euro per i progetti del lotto 2.

Leggi anche > > > Associazioni sportive: come gestire il denaro contante

Chi può partecipare al bando?

I progetti, che devono svolgersi negli Stati membri dell'Unione Europea, possono essere presentati da persone giuridiche pubbliche o private che operano nel settore dello sport e che organizzano regolarmente competizioni sportive ad ogni livello. Questi soggetti devono avere sede in uno degli Stati membri dell'Unione Europea e possono essere:

  • federazioni sportive europee e internazionali;
  • organizzazioni senza scopo di lucro;
  • autorità pubbliche (nazionali, regionali, locali);
  • organizzazioni europee e internazionali;
  • club sportivi;
  • università;
  • istituti d’istruzione;
  • centri di ricerca;
  • imprese.

I progetti devono essere presentati da un soggetto singolo. Devono avere una durata di almeno 24 mesi e al massimo di 36 mesi, con inizio dal 1 gennaio 2020 e conclusione entro il 31 dicembre 2022. Le proposte devono essere presentate utilizzando il formulario elettronico.

Vorresti partecipare al Bando? Sei interessato anche tu a promuovere iniziative nell'ambito dello sport volte all'integrazione sociale dei rifugiati? Se hai bisogno di maggiori informazioni contattami su Know How e parliamone insieme > > > Luca Domenico Chiacchiari

 

Tag

sporteuropafinanziamenticittadinistranieriimmigrazione

di Luca Domenico Chiacchiari
Dottore Commercialista e Revisore Contabile

Luca Domenico Chiacchiari

Luca Domenico Chiacchiari da circa 15 anni è titolare dell'omonimo studio professionale a Pescara in Via Falcone e Borsellino n. 26. Svolge consulenza contabile e tributaria per società, imprenditori e professionisti, consulenza civilistico-fiscale in favore di Enti NO profit, redazione di business plan e controllo dei conti nell'ambito di finanziamenti pubblici regionali e nazionali, revisore contabile nell'ambito dei progetti di Formazione Continua alle PMI, è Delegato del Tribunale per gestione Esecuzioni Immobiliari. Sportivo da sempre, da 15 anni assiste ASD, SSD e CIRCOLI ricreativi e culturali del centro Italia, anche in partenariato con importanti Enti ed organizzazioni nazionali come UISP, CSEN, FILJKAM e FISE.

www.knowhow.it

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di ASSOCIAZIONI

Nuovo Obbligo di trasparenza per le ASD

di Luca Domenico Chiacchiari
16 settembre 2019
Associazioni, ASD, SSD