Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Sicurezza bancaria: le truffe telefoniche e via sms e come evitarle

Sicurezza bancaria: le truffe telefoniche e via sms e come evitarle

Sicurezza bancaria: le truffe telefoniche e via sms e come evitarle

La sicurezza dei nostri dati bancari è costantemente minacciata dai malintenzionati che cercano di appropriarsene: l'importante è conoscere i tipi di truffa, non "abboccare" e saperli smascherare. Qui parliamo di truffe per telefono e via sms: rispettivamente lo "Smishing" e il "Vishing".



I sistemi di sicurezza delle banche hanno raggiunto degli standard molto elevati: offrono, infatti, le più avanzate tecnologie sia sulle carte di pagamento sia per quanto riguarda gli strumenti di prevenzione delle frodi online. Spesso accade che i nostri dati e le nostre credenziali vengano rubate proprio perchè siamo noi a fornirle; se succede, è evidente che siamo finiti in qualche trappola ben congegnata. Ecco perchè è importante essere informati sui tipi di truffe in cui potremmo incappare, così da poterci difendere ed evitare brutte sorprese.

Leggi anche > > > Sicurezza bancaria: come difendersi dalle frodi online

Gli SMS truffa: lo "Smishing". Che cosè?

Può capitare di ricevere SMS ben congegnati e ingannevoli attraverso i quali malintenzionati del web potrebbero indurti a condividere dati personali, credenziali e informazioni sensibili. In questo caso si parla di "smishing", che sta per SMS Phishing. Di solito questi SMS contengono messaggi di testo dal tono urgente e che ti invitano a chiamare un numero di telefono o ad andare su un sito web per intraprendere un'azione immediata. Il numero di telefono spesso risponde attraverso un risponditore automatico; eventuali link rimandano a delle pagine del tutto rassomiglianti a quelle della propria banca, in cui ti viene chiesto di fornire informazioni private come le password o le informazioni della carta di credito. È ovvio che non devi mai chiamare, né cliccare su questi link né tantomeno inserire le tue credenziali. Riconoscere le comunicazioni della tua banca può salvarti da questo tipo di frodi; di solito negli SMS che la banca invia:

  • c'è sempre il tuo nome;
  • è indicata la tua filiale di riferimento con le specifiche della città e dell’indirizzo;
  • se è presente un link, di solito è per promuovere dei prodotti o dei servizi bancari e non prevede mai il collegamento alla pagina di accesso alla banca online.

Leggi anche > > > Saldi estivi: 10 regole per evitare fregature

Truffa per telefono: il "Vishing". Che cosè?

Anche qui ci troviamo di fronte a un tipo di truffa molto pericolosa e particolarmente sgradevole: in questo caso, infatti, ricevi una vera e propria telefonata. Questo tipo di raggiro si chiama "Vishing" o Phishing vocale e ha lo scopo di carpire informazioni personali e riservate come dati di accesso al servizio di Internet Banking, password o numeri di carte di credito, del bancomat o di carte prepagate. Per poter riconoscere una telefonata sospetta, sappi che di solito

  • l'operatore finge di essere del Servizio clienti della tua banca o della tua filiale;
  • prova a stabile un rapporto di fiducia dimostrando di essere a conoscenza di alcuni dati bancari, al fine di indurti a credere che l'operatore sia in buona fede;
  • fa riferimento a movimenti sospetti, problemi di accesso al servizio di banca online o tentativi di accesso da parte di terzi;
  • chiede i dati di accesso al tuo internet banking o i numeri delle carte di credito e del bancomat oppure le password dispositive.

Diffida da qualsiasi contatto telefonico che abbia queste caratteristiche: per qualsiasi problema la tua vera banca ti convocherà in filiale se c'è qualche problema da risolvere e non ti chiederà mai i tuoi dati o le tue password per telefono. Se pensi di aver subìto un tentativo di Smishing o Vishing, informa subito la filiale della tua banca o chiama il servizio clienti per verificare la veridicità della comunicazione. In alternativa, denuncia l'accaduto all'Autorità Giudiziaria o di Polizia. Le segnalazioni possono attivare contromisure immediate per proteggere gli altri clienti.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.