-->

Sicurezza bancaria: come difendersi dalle frodi online

di Know How

in LEGALE
Tempo di lettura: 2 min

I modi per raggirare gli utenti che utilizzano l'internet banking sono i più vari ma l'obiettivo resta sempre lo stesso: indurre all’errore e acquisire in maniera fraudolenta i dati sensibili e le password. Ecco perchè è importante avere la massima attenzione e osservare qualche buona regola.

Condividi su

L'utilizzo dell'internet banking ormai fa parte della gestione quotidiana del nostro conto corrente bancario. Niente file allo sportello: seduti comodamente davanti al nostro computer possiamo effettuare bonifici e pagamenti, gestire la carta di credito ed effettuare altre operazioni come semplici forme di investimento. La sicurezza è importante e per questo motivo tutti gli istituti di credito sono dotati di sistemi di sicurezza che riducono al minimo gli utilizzi impropri.Tuttavia, può capitare di ricevere e-mail strane o sms sospetti e solo alcune piccole ma importanti accortezze possono proteggerci dalle frodi online: vediamo quali.

Leggi anche > > > Vacanze sicure: 8 regole per evitare le truffe

Internet banking: 5 consigli da osservare

Nel gestire la tua banca online è buona regola prendere alcune piccole precauzioni; te ne suggeriamo 5:

  • aggiorna spesso la password o il PIN d'accesso all'internet banking;
  • evita il salvataggio automatico delle password sul browser;
  • utilizza le password usa e getta, generate solitamente da un token, solo a conferma di operazioni predisposte da te;
  • controlla la sicurezza del sito prima di fornire dati riservati;
  • diffida dalle e-mail che richiedono l’inserimento dei tuoi codici di accesso.

Come riconoscere la sicurezza di un sito? Prima di inserire in un sito la tua password o numeri delle tue carte di credito/debito/prepagate verifica che la trasmissione dati risulti "sicura" e che il sito sia autentico:

  • controlla sempre la presenza del prefisso "https://" nell'indirizzo web;
  • verifica che sia presente l'icona "lucchetto chiuso" vicino all’indirizzo del sito.

Per quanto riguarda, invece, le e-mail sospette che chiedono di cliccare su un link ed inserire le proprie credenziali, sappi che si tratta di tentativi di "phishing". Il termine phishing è una variante di fishing (letteralmente "pescare" in lingua inglese) e allude all'uso di tecniche sempre più sofisticate per "pescare" dati finanziari e password di un utente che "abbocca" alla trappola. Vediamo meglio cos'è il phishing e come evitarlo.

Leggi anche > > > Luce e gas: come difendersi dai contratti-truffa

Sicurezza bancaria: il phishing

Il phishing è una truffa che avviene tramite e-mail. Si tratta di una comunicazione molto simile a quelle che normalmente invia la banca e solitamente contiene un link che, dopo essere stato cliccato, richiede l'inserimento di password, codici e dati personali. Come fare quindi a riconoscere un'email di phishing? Come evitare le frodi online di questo tipo? Per tutelarsi bastano semplici ma efficaci precauzioni:

  • non inserire mai i tuoi dati personali su pagine raggiunte tramite link (o allegati) di e-mail. Gli istituti bancari normalmente richiedono di collegarsi alla banca via internet solo attraverso il sito istituzionale e non richiedono dati tramite e-mail; 
  • impara a riconoscere le e-mail false. Solitamente contengono l'indirizzo del mittente in formato web (es. nome.cognome@dominio), non sono personalizzate e dichiarano intenti non ben specificati (es. risoluzione di fantomatici problemi di sicurezza, adesioni ad ‘imperdibili’ offerte, riscossione di vincite) e spesso usano toni "intimidatori" come minacce di sospensione del servizio in caso di mancata risposta;
  • non cliccare sui link sospetti e non scaricare file allegati. Se intendi visitare il link dell'e-mail ricorda di ricopiare l'indirizzo completo nella barra di ricerca del browser, così eviterai di trovarti in siti con indirizzi contraffatti. 

Se ricevi un’e-mail sospetta e se pensi di aver subìto un tentativo di phishing, informa subito la filiale della tua banca o chiama il servizio clienti per verificare la veridicità della comunicazione. In alternativa, denuncia l'accaduto all'Autorità Giudiziaria o di Polizia. Le segnalazioni possono attivare contromisure immediate per proteggere gli altri clienti.

 

Tag

consumatoribanchesicurezzatrufferisparmiatori

Condividi

Commenti 0

Sei un Knower? Effettua il login per lasciare un commento!




Scrivi tu il primo commento a questo articolo!

Tieniti aggiornato
iscriviti alla newsletter


Potrebbe interessarti anche...



Oggi parlo di LEGALE