Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / La revocatoria fallimentare: il periodo sospetto

La revocatoria fallimentare: il periodo sospetto

La revocatoria fallimentare: il periodo sospetto

La revocatoria fallimentare è un istituto previsto dal diritto processuale italiano ed è uno strumento finalizzato alla ricostituzione del patrimonio del fallito, in modo da poter soddisfare il numero maggiore possibile di creditori (par condicio creditorum).



La revocatoria fallimentare è un istituto previsto dal diritto processuale italiano ed è quello strumento finalizzato alla ricostituzione del patrimonio del fallito, in modo da poter soddisfare il numero maggiore possibile di creditori (par condicio creditorum).

È disciplinata dall'art. 67 della Legge Fallimentare (Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267), successivamente modificata dal D.L. 3 maggio 2016, n. 59, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 giugno 2016, n. 119 e dalla L. 11 dicembre 2016, n. 232, entrata in vigore dal 01 gennaio 2017.
Il curatore fallimentare è il soggetto legittimato a porre in essere tale azione, mentre il tribunale competente è quello presso il quale è stata avviata la procedura fallimentare.

Leggi anche >>> CONSEGUENZE DEL FALLIMENTO AZIENDALE PER IL PRESTANOME E L'IMPRENDITORE OCCULTO

Che cos'è il periodo sospetto?

Ai fini della revocatoria fallimentare, il curatore deve prendere in considerazione solo quella parte dell’attività del debitore (pagamenti, contratti, atti e costituzioni di garanzie) compiuta in un periodo che la legge considera "sospetto" e che corrisponde a un lasso di tempo che precede la data della sentenza dichiarativa di fallimento (o la data di un diverso provvedimento, in caso di consecuzione di procedure concorsuali).

La durata del c.d. "periodo sospetto" è, di regola:

  • di 1 anno per gli atti anormali;
  • di 6 mesi per quelli normali;
  • di 2 anni per tutti gli atti a titolo gratuito ed i pagamenti anticipati.

Regole particolari valgono per gli atti tra coniugi e per quelli compiuti dal successore del fallito.

Leggi anche >>> RIFORMA DEL FALLIMENTO: IL NUOVO CODICE DELLA CRISI DI IMPRESA

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.