Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Dichiarazione dei redditi: le spese sanitarie detraibili

Dichiarazione dei redditi: le spese sanitarie detraibili

Dichiarazione dei redditi: le spese sanitarie detraibili

Le spese sanitarie, sostenute per famigliari a carico e non, possono essere portate in detrazione dall'IRPEF, in sede di dichiarazione dei redditi, nella misura del 19%. È possibile applicare la detrazione solo ai costi che eccedono l'importo della franchigia di 129,11 euro.



La normativa fiscale italiana prevede numerose tipologie di detrazioni: tra queste vi è quella relativa alla detrazione delle spese sanitarie. Per poter usufruire delle detrazioni è necessario, in primis, indicare le spese nella dichiarazione dei redditi relativa all'anno in cui sono state sostenute e inoltre devono essere obbligatoriamente documentate in maniera adeguata. I dati inerenti le spese mediche provenienti da studi medici e farmacie sono già presenti nel mod. 730 precompilato; ad ogno modo, è sempre bene accertarsi che le informazioni siano complete.

Leggi anche > > > Dichiarazione dei redditi: detrazione per abbonamento ai mezzi pubblici

Spese sanitarie, quali detrazioni?

costi ammissibili alle detrazioni IRPEF, su cui bisogna effettuare il calcolo, sono i seguenti:

  • Ticket sanitari del Servizio sanitario nazionale;
  • Interventi chirurgici e trapianti;
  • Visite mediche prestate da dottori generici, specialisti e omeopati;
  • Assistenza infermieristica o fisioterapica, assistenza alla persona;
  • Analisi ed esami di diagnostica e di laboratorio qualora prescritti da un medico;
  • Cure dentistiche odontoiatriche;
  • Acquisto o noleggio di protesi sanitarie;
  • Spese per l'acquisto di dispositivi medici o per il noleggio di attrezzature mediche;
  • Spese per cure termali su prescrizione medica (escluso viaggio e soggiorno);
  • Spesa per assistenza, cure e farmaci per una persona anziana ricoverata in un Istituto;
  • Spese per disabili;
  • Spese per l'acquisto di farmaci.

Leggi anche > > > Dichiarazione dei redditi: il 730 precompilato

Spese sanitarie, come calcolare le detrazioni?

La detrazione è ammessa per le spese sostenute nell'interesse dei familiari a carico e, in alcuni casi, anche dei familiari non a carico, in questo caso entro il limite di 6.197,48 euro per ciascun familiare non a carico e calcolando la franchigia di 129,11 euro al lordo. È possibile portare in detrazione dall'IRPEF il 19% delle spese sanitarie per la parte eccedente l’importo di 129,11 euro. In sostanza, la detrazione spettante è pari al 19% della differenza tra il totale della somma spesa e la franchigia di 129,11 euro. Invece, alcune delle spese sostenute per le persone con disabilità, sono ammesse integralmente alla detrazione del 19% senza l’applicazione della franchigia. Per approfondire i dettagli sulle spese sanitarie per le persone con disabilità, si consiglia di consultare la "guida alle agevolazioni fiscali per le persone con disabilità". È possibile usufruire delle detrazioni anche per farmaci senza l'obbligo di prescrizione medica che si acquistano on-line da farmacie o esercizi commerciali autorizzati alla vendita a distanza; non rientrano, invece,  tra le spese detraibili, quelle per l’acquisto di parafarmaci come ad esempio  integratori alimentari, prodotti fisioterapici, colliri e pomate, anche se assunti a scopo terapeutico su prescrizione medica.

 

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.