Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Dichiarazione dei redditi: detrazione per abbonamento ai mezzi pubblici

Dichiarazione dei redditi: detrazione per abbonamento ai mezzi pubblici

Dichiarazione dei redditi: detrazione per abbonamento ai mezzi pubblici

 Il modello 730/2019 prevede la possibilità di portare in detrazione le spese relative all'abbonamento del contribuente e a quello dei familiari a carico. Chi sono i soggetti beneficiari dell'agevolazione? E a quanto ammonta la detrazione fiscale? Ecco tutti i dettagli.



Per molti lavoratori, il costo dei mezzi pubblici per recarsi quotidianamente sul posto del lavoro rappresenta spesso una voce non indifferente del bilancio familiare; la legge di Bilancio 2018 ha introdotto due tipologie di incentivi per favorire ed incoraggiare la mobilità pubblica:

  • una detrazione Irpef per abbonamenti ai trasporti pubblici;
  • l'esenzione da imposizione del rimborso spese per il trasporto pubblico, erogato dal datore di lavoro al dipendente.

È proprio a partire dalle spese per gli abbonamenti sostenute dallo scorso 1 gennaio che sarà possibile fruire del bonus Irpef.

Leggi anche > > > Dichiarazione dei redditi: annullare il 730 sbagliato

Lavoratori dipendenti, quali detrazioni?

La detrazione Irpef, prevista dalla legge di Bilancio 2018, ammonta al 19% per le spese sostenute per gli abbonamenti al trasporto pubblico regionale ed interregionale, per un massimo di 250 euro (che significa una detrazione massima di 47,50 euro da far valere in dichiarazione dei redditi). La detrazione spetta anche per le spese sostenute per i familiari a carico, sempre entro il limite massimo di spesa di 250 euro. È importante conservare la copia dei titoli di viaggio per poterli poi consegnare al professionista che si occuperà di predisporre la dichiarazione dei redditi.

Leggi anche > > > Saldo e stralcio e rottamazione ter, nuove domande entro il 31 luglio

Datori di lavoro, i rimborsi sono detassati?

La Legge di Bilancio ha previsto anche la possibilità, per il datore di lavoro, di rimborsare al dipendente le spese per l'abbonamento al trasporto pubblico in completa esenzione, poiché non concorrono al reddito del dipendente. Le modalità di rimborso sono:

  • pagamento diretto all'azienda di trasporto pubblico;
  • anticipo della spesa in denaro al dipendente;
  • rimborso della spesa al dipendente.

Negli ultimi due casi, il datore del lavoro deve conservare la documentazione che attesti l'utilizzo delle somme da parte del dipendente per le finalità per cui sono state corrisposte. Questi incentivi fanno parte del Piano strategico per la mobilità del paese "Connettere l’Italia", messo in campo per favorire un uso più intenso e più conveniente del trasporto pubblico.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.