Condividi su

Bonus mobili 2018: continuano le agevolazioni


La Legge di Bilancio ha prorogato fino al 31 dicembre 2018 la detrazione Irpef (del 50% fino a 10.000€ di spesa) per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+, finalizzato all'arredamento di immobili oggetto di ristrutturazione straordinaria.

Proseguono le iniziative del governo riguardanti le agevolazioni sull'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, finalizzato all'arredamento di immobili ristrutturati. La Legge di Bilancio 2018 ha infatti prorogato, fino al 31 dicembre 2018, le detrazioni previste per gli interventi di ristrutturazione avviati a partire dal 1° gennaio 2017.
Per gli arredi acquistati nel 2017, gli interventi di ristrutturazione devono aver avuto inizio successivamente al 1° gennaio 2016.
Indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi, si può usufruire di una detrazione Irpef del 50%, erogata in dieci quote annuali di pari importo e calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000€.

Quali lavori?

Occorre precisare che per "ristrutturazione" si intende un intervento conservativo consistente di manutenzione straordinaria su un immobile, volto a migliorare gli impianti, i rivestimenti e le prestazioni energetiche; la semplice tinteggiatura delle pareti o la sostituzione degli infissi, ad esempio, non dà diritto ad alcuna agevolazione.

I cosiddetti "grandi elettrodomestici" (frigoriferi, forni, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, impianti di condizionamento, ecc.) devono essere nuovi e di classe energetica non inferiore ad A+; per quanto riguarda l'arredamento si considera il mobilio in genere necessario ad arredare le stanze di una casa: letti, armadi, divani, tavoli, sedie, cassettiere, ecc.

Adempimenti

Per usufruire della detrazione, è condizione necessaria effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito.
La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità suindicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.
Risulta molto importante, quindi, conservare le attestazioni di pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente) e le le fatture di acquisto dei beni.

 

 

Ho acquistato di nuovo tutti gli elettrodomestici di casa in seguito alla sua ristrutturazione: come si fa ad usufruire delle detrazioni Irpef?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

bonus, irpef, mobili, agevolazioni, leggedibilancio2018, incentivi
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Lavoratori disabili, bonus assunzioni

Lavoratori disabili, bonus assunzioni

di Know How
26 Mag 2019
Startup innovative: costituzione online

Startup innovative: costituzione online

di Know How
25 Mag 2019