Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Bollette a 28 giorni: sanzionati i gestori di telefonia e pay tv

Bollette a 28 giorni: sanzionati i gestori di telefonia e pay tv

Bollette a 28 giorni: sanzionati i gestori di telefonia e pay tv

Le compagnie obbligate a ripristinare la cadenza mensile delle fatture grazie alla delibera AGCOM. I gestori telefonici e delle tv a pagamento hanno 120 giorni di tempo per adeguarsi ed evitare sanzioni e richieste di indennizzo da parte dei consumatori.



La fatturazione a 28 giorni, anziché mensile, era diventata una prassi comune per i gestori di telefonia fissa e mobile e per quelli della TV satellitare a pagamento; una spesa in più a carico dei consumatori che, di fatto, si sono visti costretti a pagare in un anno 13 fatture anziché 12.
La questione ha immediatamente scatenato polemiche e lamentele ed è approdata anche in Parlamento.

Cosa dice la delibera AGCOM?

Finalmente, nel mese di dicembre, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), con delibera N. 498/17/CONS, ha stabilito di:

  • sanzionare i gestori per la mancata osservanza della delibera AGCOM in materia di fatturazione ordinaria a 30 giorni;
  • ripristinare la fatturazione a 30 giorni e abbandonare definitivamente le bollette a 28 giorni;
  • pubblicare delle linee guida, ad uso degli operatori, per la corretta applicazione dell'obbligo della fatturazione mensile, in modo da rispettare il mese solare;
  • prevedere la possibilità di rimborso per i consumatori, tramite lo storno degli importi indebitamente percepiti nella prima fattura emessa con cadenza mensile.

Leggi anche >>> PROBLEMI CON LA BANCA, A CHI RIVOLGERSI?

Rimborso, come richiederlo?

Le compagnie hanno 120 giorni di tempo dalla data della delibera AGCOM, quindi fino al 4 aprile 2018, per adeguare la fatturazione con cadenza mensile. Qualora non dovessero farlo, saranno costrette a pagare la multa inflitta dall'AGCOM oltre a rimborsare i consumatori con un indennizzo forfettario di 50 euro, più 1 euro per ogni giorno successivo alla scadenza. Il rimborso va calcolato a partire dalle fatture emesse dal 23 giugno 2017 in poi.

Per coloro che non intendono aspettare l'adeguamento delle compagnie, è possibile ottenere il rimborso di quanto pagato in più, tramite due soluzioni:

  • rivolgendosi ai Co.re.com, i Comitati regionali per le comunicazioni, che sono organi funzionali all’AGCOM;
  • inviando direttamente un reclamo alla propria compagnia telefonica con richiesta di rimborso di quanto versato in eccedenza.

In quest'ultimo caso sarà necessario corredare la richiesta indicando:

  • l'oggetto del reclamo (reclamo utenza n°, intestata a, per fatturazione a 28 giorni illegittima come da Delibera A.G.COM. 121/17/CONS);
  • i dati anagrafici;
  • con la richiesta di rettifica delle fatture già emesse e pagate, del rimborso (anche su fatture di prossima emissione) dell'8,5% per ciascuna mensilità e della rettifica delle fatture di prossima emissione;
  • le fatture oggetto della contestazione.

Leggi anche >>> VACANZA ROVINATA: IL RISARCIMENTO DEL DANNO

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg
    Redazione Know How  Reply

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.