Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Banca d

Banca d

Banca d

Le proiezioni macroeconomiche per l'economia italiana ed europea contenute nel Bollettino Economico di gennaio 2019 della Banca d'Italia: nello specifico vengono analizzate le situazioni delle imprese, delle famiglie, delle banche e la situazione economica internazionale ed europea.



Il Bollettino Economico della Banca d'Italia viene diffuso con cadenza trimestrale e fornisce informazioni sull'andamento dell’economia italiana, inquadrandolo nel più generale contesto economico internazionale e dell'area dell'euro. Vengono analizzati vari aspetti che riguardano l'economia reale, i conti pubblici, l'attività delle banche e i mercati finanziari. Ecco quanto rilevato nel Bollettino Economico n° 1 del 2019.

Scarica > > > Bollettino Economico n. 1 - 2019 [pdf 1.6 MB]

La situazione per le imprese in Italia?

In Italia si è assistito ad un rallentamento dell'espansione dell'attività economica e una costante debolezza dell’attività produttiva; per quanto riguarda le imprese, la produzione industriale si sarebbe contratta. Gli investimenti, dopo essere scesi nel terzo trimestre del 2018, avrebbero invece ripreso ad aumentare. In ogni caso, sono peggiorati sia i giudizi relativi alla situazione economica generale sia quelli sull'andamento della domanda, soprattutto con riferimento alla componente nazionale. I giudizi sulla situazione economica generale hanno segnato un deterioramento in tutti i settori di attività; anche le attese per il primo trimestre del 2019 sono peggiorate, soprattutto per l'acuirsi dell'incertezza connessa con fattori economici e politici.

Leggi anche > > > Incentivi per le imprese: Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita

Cosa si dice per le famiglie?

Per quanto riguarda le famiglie, i consumi sono stati costantemente deboli, tendenti al ribasso: decisivi sarebbero stati la costante incertezza delle condizioni reddituali e i segnali poco incoraggianti provenienti dal mercato del lavoro: nel trimestre estivo sono aumentate le ore lavorate mentre il numero di occupati è lievemente diminuito; secondo i primi dati disponibili, in autunno l'occupazione sarebbe rimasta sostanzialmente stazionaria. È proseguito l'incremento delle retribuzioni contrattuali in tutti i comparti. Il costo medio dei nuovi mutui alle famiglie per l'acquisto della casa è rimasto su valori contenuti, pur essendo salito di circa dieci punti base rispetto al livello minimo osservato a luglio 2018.

Leggi anche > > > Congedo di maternità e paternità: le novità del 2019

La situazione in Italia: qual è lo stato di salute delle banche?

Come già evidenziato, per le famiglie le condizioni di offerta del credito da parte delle banche rimangono nel complesso distese; un po' più rigide invece nei confronti delle imprese. In linea generale, le buone condizioni di patrimonializzazione delle banche e l'elevata stabilità delle loro fonti di finanziamento hanno impedito l'innalzarsi dei tassi sui prestiti. In prospettiva, però, il persistere dell'elevato livello dei rendimenti sovrani e del costo della raccolta bancaria potrebbe contribuire a spingere al rialzo il costo del credito. 

Leggi anche > > > Conto corrente estero: facciamo chiarezza

Cosa succede sul piano internazionale?

Negli ultimi mesi la crescita dell'economia mondiale è proseguita, ma con forti segnali di deterioramento, soprattutto delle economie avanzate ed emergenti come la Cina e il Brasile. Rimane costante e sostenuta, invece, la crescita economica dell'India. In Europa la crescita si è indebolita; a novembre la produzione industriale è diminuita significativamente in Germania, in Francia e in Italia. L'inflazione, pur restando su valori ampiamente positivi, è scesa per effetto del rallentamento dei prezzi dei beni energetici

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.