Condividi su

TARI, quando non si paga?


Anno nuovo, nuove tasse: i proprietari di immobili già devono mettere in preventivo tutti i tributi del 2019 legati agli immobili. Tra questi c'è la TARI, che spetta a chiunque abbia un immobile in grado di produrre rifiuti. E se la casa è sfitta o disabitata per molti mesi? Ecco cosa dice la norma.

Tasse, tasse e ancora tasse: chi detiene uno o più immobili di proprietà sa benissimo quanto i tributi incidano sul bilancio familiare. C'è l'IMU, l'Imposta MUnicipale propria, la TASI, la Tassa sui Servizi Indivisibili e la TARI, la TAssa Rifiuti. In questo articolo ci concentriamo proprio sulla TARI.

Leggi anche > > > IMU 2018 e TASI 2018, agevolazioni per alloggi sociali

TARI: che cos'è?

La TARI, che da qualche anno ha sostituito le precedenti tasse sui rifiuti TIA e TARSU, è quella tassa che spetta a chiunque detenga locali o aree scoperte, adibiti a qualsiasi utilizzo, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Quindi, indipendentemente dal tipo di utilizzo, ad esempio, di un appartamento, il proprietario è comunque e in ogni caso obbligato a pagare la TARI, semplicemente perchè l'immobile è in grado di generare rifiuti. Ci sono dei casi, però, in cui è possibile chiedere una riduzione e dei casi limite in cui addirittura la TARI non si paga. Vediamo in quali circostanze.

TARI: pagamento ridotto 

Se è vero che la TARI si basa sulla capacità di un immobile di produrre rifiuti, una sua parte è legata a quelli effettivamente prodotti. L'attuale normativa prevede la possibilità di usufruire di riduzioni, oltre naturalmente a quelle previste per chi ha un reddito basso. Un caso esemplare è quello di un immobile abitato solamente per pochi giorni l'anno; le riduzioni variano da Comune a Comune e possono essere richieste per:

  • le abitazioni con un unico abitante;
  • le abitazioni utilizzate in maniera discontinua o stagionale;
  • le abitazioni occupate da coloro che risiedono all'estero per più di sei mesi all'anno;
  • gli immobili rurali ad uso abitativo.

TARI: i casi di esenzione

Se invece un immobile è sfitto per tutto l'anno bisogna sempre e comunque pagare la TARI? La risposta è si. O meglio: dipende. Un appartamento sfitto ma dotato di un minimo di arredamento e con le utenze attive è considerato in grado di produrre rifiuti, anche se praticamente disabitato. La TARI invece non si paga se l'immobile è totalmente privo di arredi e con le utenze staccate: praticamente inabitabile. In questo caso è possibile presentare un'apposita dichiarazione al Comune per ottenere l'esenzione totale dal pagamento della TAssa RIfiuti.

 

 

Avevo affittato ad un'attività economica, attualmente cessata, alcuni locali di cui sono proprietario. Ora che i locali sono vuoti, devo comunque pagare la TARI?

Lancia una domanda
Lancia una domanda!

case, tributi, immobili, agevolazioni
Condividi su

Potrebbero interessarti anche...


Lavoratori disabili, bonus assunzioni

Lavoratori disabili, bonus assunzioni

di Know How
26 Mag 2019
Startup innovative: costituzione online

Startup innovative: costituzione online

di Know How
25 Mag 2019