Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Rottamazione auto, come fare e quanto costa?

Rottamazione auto, come fare e quanto costa?

Rottamazione auto, come fare e quanto costa?

Di solito pensa a tutto il concessionario: noi compriamo la macchina nuova e lui si occupa della rottamazione del nostro usato. Ma se dovessimo rottamare una vecchia macchina e basta? Qual è l'iter procedurale e quali sono i costi da sostenere? Te lo spieghiamo in questo articolo.



Se la tua vecchia quattroruote ti sta abbandonando, forse è giunto il momento di dirle addio: procedere con la sua rottamazione è l'unica cosa da fare. Se decidi di comprare un'auto nuova, di solito è il concessionario che si occupa di ritirare la vecchia auto e farla demolire. Se invece devi procedere con la rottamazione della tua auto senza acquistarne una nuova, ecco come farlo nel modo giusto e quanto ti costa.

Leggi anche > > > Bollo auto: se non viene pagato che succede?

Rottamazione auto: come fare?

Per procedere correttamente con la demolizione di un veicolo, è necessario portarlo ad un centro di raccolta che si occuperà del suo smaltimento; il centro di raccolta deve essere autorizzato dalla Regione e deve effettuare la cancellazione del veicolo dal PRA nonché consegnare direttamente al Pubblico Registro le targhe, la carta di circolazione e il certificato di proprietà, ossia, il foglio complementare. La cancellazione dal PRA fa cessare l'obbligo del pagamento del bollo e permette di interrompere la polizza dell'assicurazione dalla data di demolizione fino alla fine della copertura: in tal modo si ottiene il rimborso per il periodo di copertura non utilizzato, inviando alla compagnia il certificato di rottamazione del veicolo.

Rottamazione auto: quanto costa?

Demolire la nostra vecchia auto ha naturalmente dei costi che riguardano principalmente:

  • la demolizione del veicolo;
  • lo smaltimento dei rottami;
  • l'imposta di bollo;
  • gli emolumenti ACI;
  • altri costi che variano a seconda del centro di raccolta o della Regione.

Rottamare un'auto può costare tra i 70 e i 150 euro circa; le principali spese riguardano:

  • l'imposta di bollo di 32 euro se siamo in possesso del certificato di proprietà; altrimenti, al suo posto, bisogna presentare il modello NP3C e il costo sale a 48 euro;
  • 13,50 euro di emolumenti ACI;
  • se il veicolo non cammina, bisogna aggiungere il costo del carro attrezzi per il trasporto dell'auto verso il centro di demolizione.

Il certificato di rottamazione auto: cosa dice la legge?

Nel momento in cui l'auto viene rottamata, il centro di demolizione ci deve consegnare il certificato di rottamazione auto: questo documento serve ad attestare l'avvenuta consegna del veicolo e l'impegno di chi ritira a presentare la domanda di cancellazione e radiazione dal PRA entro 30 giorni. Il certificato di rottamazione deve contenere:

  • nome e cognome e indirizzo del proprietario;
  • dati del veicolo;
  • numero di registrazione/identificazione e la firma del titolare dell'impresa che rilascia il certificato di rottamazione;
  • autorità competente che ha rilasciato l'autorizzazione all'impresa di autodemolizione;
  • data e ora di rilascio del certificato di rottamazione e la data e l'ora di presa in carico del mezzo;
  • impegno a provvedere alla pratica di cancellazione dal PRA.

Il certificato di rottamazione auto è un documento importantissimo: infatti ci solleva da ogni responsabilità civile, penale e amministrativa a partire dalla data di presa in carico del mezzo da parte del centro demolizioni. Bisogna conservarlo con cura ed è consigliabile accertarsi se, trascorsi 30 giorni, la nostra auto sia stata effettivamente cancellata dai registri del PRA.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • redazione-know-how-2-2021-06-04_11-27-58-foto-profilo-know-how.jpg

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion.
    Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.