Il Blog di Know How

Soluzioni per imprese e privati
Blog / Lavoratori extracomunitari altamente qualificati: la Carta Blu UE

Lavoratori extracomunitari altamente qualificati: la Carta Blu UE

Lavoratori extracomunitari altamente qualificati: la Carta Blu UE

I lavoratori extracomunitari altamente qualificati (dirigenti, medici, ingegneri, ecc.) possono ottenere un permesso di soggiorno speciale: la Carta Blu UE. Ecco i requisiti soggettivi, come il titolo di studio e la professione, e le condizioni lavorative e contrattuali necessarie.



I lavoratori stranieri altamente qualificati che non sono cittadini europei possono richiedere un permesso di soggiorno speciale: la Carta Blu UE. Lo prevede la Direttiva 2009/50/CE del Consiglio, del 25 maggio 2009, sulle condizioni di ingresso e soggiorno di cittadini extracomunitari che intendano svolgere lavori altamente qualificati. Si tratta di un particolare permesso che viene rilasciato dalla Questura al lavoratore straniero altamente qualificato, dopo aver ricevuto il nulla osta all'ingresso in Italia e dopo la stipula di un contratto di soggiorno per lavoro.

Leggi anche > > > Permesso di soggiorno: come richiederlo

 

Lavoratori stranieri altamente qualificati: quali i requisiti soggettivi?

I requisiti dei lavoratori extracomunitari, residenti all'estero o già soggiornanti per altri motivi in Italia, per poter essere considerati "altamente qualificati" sono:

  • aver conseguito il titolo relativo ad un percorso di istruzione di durata non inferiore a 3 anni e una qualifica professionale superiore, eventualmente svincolata dal titolo di studio conseguito, rientrante nei livelli 1, 2 e 3 della classificazione ISTAT delle professioni;
  • essere professionisti, la cui qualifica è riconosciuta in Italia, che soddisfano i requisiti richiesti dal D.Lgs. 206/2007 anche se soggiornanti in altro Stato Membro, o titolari di Carta Blu rilasciata in un altro Stato Membro.

 

Lavoratori stranieri altamente qualificati: quali i requisiti contrattuali?

La domanda per la Carta Blu UE deve essere presentata dal lavoratore straniero o dal datore di lavoro allo Sportello Unico per l'Immigrazione competente per territorio, allegando la seguente documentazione:

  • un contratto di lavoro della durata minima di un anno per attività lavorativa che richieda la qualifica professionale superiore;
  • i titoli di istruzione del lavoratore straniero;
  • l'indicazione dello stipendio annuale lordo che non dovrà essere inferiore a 24.789,00 euro.

 

Carta Blu UE: cosa dice la legge?

Con la Carta Blu UE, i lavoratori extracomunitari possono, insieme alla propria famiglia:

  • entrare e soggiornare nello Stato membro di rilascio, uscirne e passare attraverso gli altri Stati membri;
  • accedere al mercato del lavoro nel settore interessato;
  • beneficiare dello stesso trattamento riservato ai cittadini nazionali, in particolare per quanto riguarda le condizioni di lavoro, la sicurezza sociale, la pensione, il riconoscimento dei diplomi, l'istruzione e la formazione professionale.

Dopo due anni di lavoro regolare, possono ricevere lo stesso trattamento riservato ai cittadini nazionali per quanto riguarda l'accesso a qualsiasi lavoro altamente qualificato. Dopo 18 mesi di residenza legale possono spostarsi in un altro Stato membro per svolgervi un lavoro altamente qualificato.

 

A quale professionista rivolgersi?

Commercialista.

Hai altro da chiedere?

Se desideri altre informazioni o un chiarimento sull'argomento di questo articolo, clicca su FAI LA TUA DOMANDA per inviare un tuo quesito. Non è richiesta alcuna registrazione. Riceverai la tua risposta, personalizzata, direttamente nella casella di posta.





L'autore
  • user-avatar.png

    Know How è un progetto di innovazione della consulenza, a favore di imprese e cittadini, che coinvolge professionisti dell’area legale ed economica. Il progetto è nato dalla mente del suo fondatore, Vincenzo Ciulla, e della sua società di consulenza: Korion. Il nostro motto è diventato: 100% esitate, perché questa è la percentuale reale delle domande che oggi ricevono una risposta, anche se preferiamo parlare di soluzioni. La sfida per il futuro è ingrandire la community, generare più interazione, fare più informazione e coinvolgere sempre più professionisti, ma solo coloro che credono in quello che facciamo.